QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 20°25° 
Domani 21°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 22 luglio 2019

Attualità martedì 03 aprile 2018 ore 17:44

Rifiuti, ok per le tariffe e il centro di raccolta

E' il comitato Abbasso la Tari a sottolineare l'importante sviluppo sul fronte tariffe. Resta, però, il nodo raccolta differenziata



CAMPIGLIA MARITTIMA — Il comitato Abbasso la Tari, dopo la discussione del Consiglio comunale del 21 Marzo e l'ok per le nuove tariffe della tassa sui rifiuti, fa il punto della situazione. 

"Certamente tutti ricordano quanto clamore abbiano destato gli aumenti del costo del servizio rifiuti per le aziende negli ultimi due anni, precisamente del 50 per cento rispetto al 2015, creando preoccupazione in un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo e tenendo conto anche del peggioramento del servizio stesso. - si legge in una nota - Siamo arrivati a questi risultati nonostante la negazione di due consigli comunali aperti al Comitato, numerosi accessi agli atti per avere le percentuali di ripartizione dei costi fra utenze domestiche e non. In merito a questo, l’amministrazione sostiene di aver spostato la ripartizione da 50 per cento e 50 per cento a 53 per cento sulle utenze domestiche e il 47 per cento sulle aziende, in modo da alleggerire anche di poco il costo su questa categoria esageratamente vessata. Non si può negare che l’Amministrazione abbia fatto dei passi per accontentare le richieste degli esercenti, diminuendo le tariffe: le percentuali vanno da un minimo del 0,44 ad un massimo del 39,88 per cento".

Tra le novità, il comitato ha ricordato come d'ora in avanti sarà di nuovo possibile scaricare i rifiuti al centro di raccolta in via Sardegna a Venturina, eccetto quelli pericolosi.

"Resta l’amarezza per quello che è accaduto negli scorsi anni: - hanno ribadito dal comitato - aver pagato tariffe relative a categorie non perfettamente congrue all’attività svolta, solo perché la nostra Amministrazione aveva deciso di proporne un numero limitato, evidentemente senza valutare le aziende operanti sul proprio territorio e quindi senza andare incontro a tutte le esigenze. E resta l’insoddisfazione per il numero alto di utenze non censite o morose che creano un danno a tutta la comunità, diminuendo la base imponibile dell’imposta". 

A questo punto il comitato vorrebbe conoscere gli sviluppi da attuare relativamente alla raccolta differenziata oggi ferma al 32,76 per cento e sull'adeguamento tariffario chiesto dall'Ato Sud.

"Continueremo a lavorare per avere un Comune sostenibile, - ha concluso il comitato - con tariffe eque e un sistema di gestione dei rifiuti efficiente". 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Politica