QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 23°26° 
Domani 24°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 25 agosto 2019

Attualità lunedì 14 dicembre 2015 ore 15:20

​Sanità, proclamato sciopero per mercoledì

L’agitazione riguarda anche medici di famiglia e specialisti ambulatoriali, l’azienda USL 6 garantisce tutti i servizi sanitari essenziali



PORTOFERRAIO — Le organizzazioni sindacali di categoria hanno proclamato uno sciopero generale per l’intera giornata di mercoledì 16 dicembre.

In particolare lo stato di agitazione è stato promosso per gli aderenti alle sigle Anaao, Assomed_Sivemp, Cimo, Aaroi-Emac, Fp Cgil Medici, Fvm, Fassid, Cisl Medici, Fesmed, Anpo-Ascoti-Fials Medici, Uil Medici, Fimmg, Snami, Smi, Intesa Sindacale-Cisl Medici-Fp Cgil Medici-Simet-Sumai, Sumai, Fespa, Fimp, Cipe, Andi.

Sono interessati dallo sciopero i medici convenzionati (medici di medicina generale e di continuità assistenziale, pediatri di libera scelta e specialisti ambulatoriali), i medici dipendenti del SSN e il personale dell'area della dirigenza sanitaria, professionale, tecnica e amministrativa.

Gli studi dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta che aderiranno allo sciopero resteranno chiusi per l’intera giornata del 16 dicembre, orario 8-20 così come i medici di emergenza sanitaria, medici di servizi territoriali, medici penitenziari. Per i medici di continuità assistenziale (ex guardia medica) lo sciopero riguarderà le fasce orarie 00 - 8 e 20 - 24 del 16 dicembre.

Saranno comunque garantiti tutti i servizi minimi essenziali previsti per il settore della sanità e, per quanto riguarda le attività connesse all’assistenza diretta ai degenti, sarà data priorità alle emergenze e alla cura dei malati più gravi e non dimissibili.

servizi minimi essenziali comprendono: il pronto soccorso e i servizi afferenti legati a problematiche non differibili della salute dei cittadini ricoverati (turni dei reparti) e non. Di conseguenza anche il personale tecnico per la preparazione dei pasti e degli altri servizi di base, servizi di assistenza domiciliare, attività di prevenzione urgente, vigilanza veterinaria, attività di protezione civile, attività connesse funzionalità centrali termoidrauliche e impianti tecnologici.



Tag

In cammino ad Amatrice con il Cai, per tenere in vita i luoghi bellissimi sconvolti dal terremoto

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Lavoro

Lavoro

Attualità