QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 15° 
Domani 16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 21 novembre 2017

Politica giovedì 09 novembre 2017 ore 13:08

Pd soddisfatto per lo sblocco dei trenta milioni

Dario Parrini e Antonio Mazzeo

Parrini, Mazzeo e Marras: "Era una battaglia che avevamo intrapreso da tempo, non era più possibile aspettare perché già troppo si era aspettato"

FIRENZE — “Lo avevamo chiesto con forza, in primo luogo al ministro Poletti e al viceministro Morando che avevamo appositamente incontrato. Adesso l’obiettivo è stato raggiunto. Finalmente, apprendiamo dal presidente Inps, è stato firmato il provvedimento che sblocca i 30 milioni di euro necessari per dare un sostegno a tanti lavoratori che hanno perso il lavoro e finito tutti gli ammortizzatori sociali nell'area di crisi industriale complessa come quelle di Livorno e Piombino". 

Così il segretario Pd Toscana Dario Parrini, il vicesegretario vicario Pd Toscana Antonio Mazzeo e il capogruppo Pd in Regione Leonardo Marras hanno commentato la notizia dello sblocco delle risorse per le aree di crisi che riguarderà anche l'area di Piombino.

"Era una battaglia che avevamo intrapreso da tempo, consapevoli che non era più possibile aspettare perché già troppo si era aspettato. - hanno aggiunto - Lo dovevamo ai tanti, troppi lavoratori delle aree di crisi per cui queste risorse rappresentano una boccata d’ossigeno non più rimandabile. Ringraziamo Poletti e Morando per il supporto ricevuto". 

Queste risorse serviranno a finanziare interventi di sostegno al reddito e azioni nell’ambito delle politiche attive del lavoro che per i tre esponenti Pd significa da un lato fornire il fondamentale supporto a chi ha terminato ogni ammortizzatore sociale dopo aver perso l’occupazione e dall’altro anche realizzare percorsi formativi mirati al reinserimento professionale, aspetto che riteniamo cruciale. 

"Non era concepibile indugiare ancora, avevamo sottolineato in più occasioni che non erano sostenibili altri rinvii per colpa di lungaggini burocratiche. - hanno concluso - La vicinanza a chi ha perso il lavoro è e sarà la nostra ossessione, il nostro impegno deve essere massimo. Finalmente ciò che abbiamo sostenuto si è realizzato e ora non resta che procedere celermente nel mettere in campo queste azioni così importanti”.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cultura