QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 8° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 20 gennaio 2020

Attualità sabato 19 agosto 2017 ore 10:38

L'altra faccia dell'acciaio, pulito e senza Rebrab

Camping Cig

Ecocompatibile e lontano dalla città, così Camping Cig immagina il futuro dell'acciaio a Piombino ma senza Rebrab, un ostacolo più che una risorsa



PIOMBINO — "Siamo oramai oltre la metà di agosto ed il primo impegno contenuto in questo misterioso addendum è già stato disatteso", così il coordinamento Articolo 1 Camping Cig è intervenuto sulla questione Aferpi. 

"È ormai evidente a tutti i lavoratori, anche a coloro che all’inizio e per lungo tempo hanno voluto credere al miracolo, che Rebrab se ne deve andare, perché non è una risorsa, bensì un problema, un ostacolo alla ripresa delle attività industriali e ad uno sviluppo armonico per il territorio", hanno aggiunto ribadendo la loro preoccupazione per lo stallo registrato fino a questo momento.

Ad aumentare i dubbi, tanto da "sfiorare il miracolistico", a detta di Camping Cig, è l'idea di riaccendere l'altoforno. "A parte che si dovrebbe parlare di un nuovo altoforno, dato che tecnicamente è impossibile fare un revamping dell’esistente dopo anni di fermata, il corollario che accompagna questa informazione non è accettabile: - hanno approfondito - infatti assieme all’altoforno dovrebbe essere riattivata tutta l’area a caldo già esistente: per intenderci, quella a ridosso della città, ricreando le vecchie condizioni di inquinamento che già conosciamo e che non vogliamo più subire. Il fumo non è pane: è solo malattia, disagio, blocco di ogni possibilità di sviluppo alternativo".

"I nuovi impianti devono essere lontani dal centro abitato e soprattutto devono essere ecocompatibili. Ci sembra, dopo aver consultato degli esperti, che la tecnologia di ultima generazione dei forni elettrici possa rappresentare una buona base di partenza".

Per arrivare a questo il Camping Cig chiede un’azione forte e decisa del governo, sia locale che nazionale smettendo di accettare qualsiasi proposta perché non c'è alternativa. Insomma, per Camping Cig bisognerebbe preparare i titoli di coda per Rebrab che, come riporta la stampa algerina, continua ad avere problemi per il trasferimento di risorse.



Tag

Conferenza Berlino, Conte cerca posto in prima fila ma non lo trova

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Attualità