comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 21°31° 
Domani 20°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 15 agosto 2020
corriere tv
Portofino, le baie lontane dal jet set usate per invecchiare lo spumante

Attualità mercoledì 07 dicembre 2016 ore 09:45

"L'unica opzione per rilanciare la produzione"

Dopo il consiglio straordinario a tema Aferpi, da Confindustria le prospettive per un progetto di rilancio del territorio



PIOMBINO — "Il magnate algerino (Issad Rebrab, ndr) che nell'affare Piombino ha già impegnato 102 milioni, ottiene credito con difficoltà", questa è quanto affermato da Umberto Paoletti, direttore generale di Confindustria Livorno Massa Carrara. Una dichiarazione alla luce del consiglio monotematico a tema Aferpi durante il quale è stata confessata la difficoltà nell'intercettare finanziamenti.

A due anni e mezzo dalla firma dell’Accordo di Programma per la Riconversione e Riqualificazione del Polo Siderurgico di Piombino, infatti, il piano per il suo rilancio procede con cautela. “Eppure - ha aggiunto il presidente - il piano industriale di Aferpi è l’unica opzione esistente per rilanciare la produzione di acciaio e ridare fiato all’occupazione e non esistono effettive alternative praticabili. Non ci sono sufficienti linee di credito per acquistare i semilavorati indispensabili alla produzione e, in questo momento, un intervento da parte dello Stato con la Cassa Depositi e Prestiti non appare configurabile”.

Il programma di investimento Cevital è corposo (leggi l'articolo correlato), prevede anche lo sviluppo di nuovi ambiti quali l'agroalimentare (o l'agroindustria?) e la logistica. 

“La nostra visione è quella di un’economia circolare, - ha aggiunto Alberto Ricci, presidente della sezione Confindustria - che coniughi i progetti per la siderurgia eco-sostenibile, la demolizione e il refitting navale, il nuovo ampliato Porto di Piombino, in un piano complessivo di rilancio del territorio e di salvaguardia di un indotto già provato da anni di crisi della acciaierie e dalla preoccupazione che tardi il consolidamento degli investimenti e con esso il re-equilibrio occupazionale”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Politica