QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 19°21° 
Domani 18°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 19 ottobre 2019

Attualità giovedì 19 gennaio 2017 ore 15:24

Tutti rispettano gli impegni, manca solo Rebrab

Valerio Fabiani

Le rassicurazioni non servono più. Dopo l'incontro con i rappresentanti sindacali dal Pd in Val di Cornia il monito diretto a Issad Rebrab



PIOMBINO — Dopo l'incontro con le organizzazioni sindacali in merito alla vicenda Aferpi, anche dal Partito Democratico arriva la considerazione che per Issad Rebrab il tempo è finito e non vengono nascoste le preoccupazioni sullo stato in cui si trova l'azienda.

"Due dei laminatoi sono fermi e il treno rotaie ha una prospettiva produttiva che non va oltre prossimo marzo. - si legge in una nota della Federazione Pd in Val di Cornia - Ciò mette in pericolo il presente e il futuro dello stabilimento, oltre che la possibilità di mantenere attivi i contratti di solidarietà che coinvolgono la totalità dei dipendenti. In questa situazione intravediamo il rischio della perdita di ulteriori quote di mercato, fino a compromettere le stesse prospettive di rilancio del polo siderurgico di Piombino". 

A poco è servita l'intervista del patron di Aferpi a Il Sole 24 Ore (leggi l'articolo correlato), dal momento che mancano ancora le risposte alle domande incalzanti del ministro Carlo Calenda. Del resto a questo punto tutti hanno fatto la loro parte: i lavoratori hanno accettato le condizioni, la Regione ha rimosso gli ostacoli che potevano rallentare gli investimenti, il Comune ha approvato in tempi rapidi la Variante Aferpi. Governo e Regione, inoltre, stanno portando avanti una missione il primo per avvicinare le banche e la seconda per ricercare una forma di garanzia per sopperire alla carenza di capitale circolante. 

Ora manca solo la parte di Rebrab. 

"Appare scontato inoltre ricordare a Issad Rebrab che quel porto, che ribadisce essere stata la sua principale attenzione, è frutto di ingenti investimenti dello Stato e della Regione finalizzati proprio alla ristrutturazione della siderurgia e della ricerca di una diversificazione economica spinta da una crisi profonda del vecchio modello di sviluppo. - si legge in conclusione al documento - La fabbrica e la città non possono più accontentarsi di nuove promesse".



Tag

Meloni a Roma: «Cinquestelle stretti in auto blu come sardine in salamoia»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità