QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 14° 
Domani 12°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 15 dicembre 2019

Lavoro martedì 28 novembre 2017 ore 10:41

Magona, incognita dopo le richieste dell'antitrust

Dall'Unione Europea la richiesta ad Arcelor Mittal di cedere lo stabilimento di Piombino per l'acquisizione dell'Ilva di Taranto



PIOMBINO — Quale futuro per Arcelor Mittal a Piombino? Se lo domandano le Rsu Magona e le segreterie Fim, Fiom e Uilm che hanno incontrato la direzione in merito alle indiscrezioni emerse intrecciate con l’acquisizione dell’Ilva di Taranto.

L’antitrust avrebbe chiesto ad Arcelor Mittal la cessione della Magona a Piombino per il rispetto delle regole sulla concorrenza sull’acquisizione dell’Ilva a Taranto, oltre all’uscita del gruppo Marcegaglia dalla cordata.

Dall’incontro però non sono emerse chiarimenti e tantomeno novità. Sono scattate le preoccupazioni sulle sorti del personale. Attualmente nella fabbrica lavorano 500 persone, i contratti di solidarietà scadranno il 31 marzo con possibile estensione al 30 settembre 2018.

A questo quadro si aggiunge l’interesse per lo stabilimento piombinese di Giovanni Arvedi, industriale dell’acciaio cremonese (leggi l'articolo correlato).



Tag

Tromba d'aria a Lauria: scoperchiato il tetto del palazzetto dello sport Video

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Cronaca