QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 20°20° 
Domani 20°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 14 ottobre 2019

Attualità mercoledì 24 aprile 2019 ore 18:30

Bilancio e Regolamento urbanistico, ultimi atti

Approvati in Coniglio comunale gli ultimi atti dell'amministrazione Giuliani. Il Consiglio è stato messo in discussione dalle opposizioni



PIOMBINO — Rendiconto di gestione, variazione di bilancio, bilanci partecipate e Variante di manutenzione al regolamento urbanistico, con queste ultime delibere si è chiuso mercoledì 24 Aprile il Consiglio comunale della legislatura Giuliani. 

Un consiglio che è stato messo in discussione in massima parte dai partiti di opposizione perché ritenuto incompatibile, per gli argomenti trattati, con il silenzio elettorale imposto dalla legge dopo la data di pubblicazione dei comizi. In questo periodo la convocazione dei Consigli comunali è possibile solo in presenza di atti improrogabili e urgenti, mentre le delibere che sono state inserite all’ordine del giorno del consiglio di Piombino, secondo Francesco Ferrari di Forza Italia e Riccardo Gelichi di Ascolta Piombino, non hanno queste caratteristiche. Per questo, sia Ferrari che Gelichi hanno scelto di abbandonare l’aula consiliare, mentre i consiglieri del Movimento 5 Stelle, di Rifondazione Comunista, pur condividendo questa critica, hanno partecipato al dibattito esprimendo però voto contrario su tutti gli atti presentati. Anche Spirito Libero ha stigmatizzato la situazione definendola border line, ma diversificando comunque il voto. 

Le delibere in discussione sono state comunque approvate con il voto favorevole del Pd e di Sinistra per Piombino.

Il consiglio si è aperto dunque con la prima delibera relativa al resoconto di gestione, introdotta dall’assessore Ilvio Camberini che ha illustrato le positività della gestione finanziaria 2018, come certificato dai Revisori dei conti. L’esercizio 2018 è stato chiuso con un avanzo di oltre 11 milioni circa di euro rispettando tutti i vincoli di spesa imposti dalla legge.
Approvati anche i bilanci delle società partecipate di maggioranza (Società Patrimoniale, Società Gestione Farmacie, Atm e Parchi Val di Cornia) che, come ha spiegato l’assessore, rappresentano un altro adempimento interno da discutere necessariamente entro il 30 Aprile. L’assessore ha evidenziato come i bilanci delle tre società siano in attivo e sostanzialmente non abbiano problemi. In perdita solo la Piombino Patrimoniale che però è oggetto di interventi, dal 1 Gennaio un ramo di azienda è stato ceduto alla SGS srl (società Farmacie). La vendita del campeggio Sant’Albinia dovrebbe mettere definitivamente in liquidazione la società e chiudere definitivamente la Patrimoniale.

Infine l’approvazione della variante di manutenzione al Regolamento Urbanistico, 2° fase. L’assessore all’urbanistica Carla Maestrini ha voluto evidenziare le motivazioni che hanno spinto l’amministrazione comunale a inserire questa delibera come improrogabile e urgente. Innanzitutto il fatto che si tratti dell’atto conclusivo di una variante adottata a Gennaio 2019, senza che ci siano state modifiche sostanziali all’atto (leggi qui sotto gli articoli correlati)

Con questa Variante si riconferma per il campeggio Sant'Albinia l’ampliamento di posti letto fino a mille escludendo la tipologia ricettiva alberghiera, prevista originariamente dal Ru. La recente osservazione presentata dalla Regione Toscana ha però imposto di precisare ulteriori limitazioni nell’area di edificazione del campeggio, per il quale è in pubblicazione il bando di vendita, in scadenza il 30 Aprile prossimo. Da qui la necessità di inserire queste precisazioni nel bando, prima della scadenza e prevedendo una proroga, per evitare contenziosi. A questo si aggiunge il fatto che le attuali previsioni del vigente Regolamento urbanistico scadono il 7 Maggio, essendo trascorsi già 5 anni dalla sua approvazione nel 2014. La mancata approvazione della variante e quindi delle nuove previsioni del campeggio di Sant’Albinia, farebbe decadere anche l’offerta economica di vendita, tarata su 1000 posti letto, viene spiegato in una nota dell'Amministrazione. Altra conseguenza negativa della mancata approvazione sarebbero stati i ritardi per gli interventi del parco della Sterpaia. La Variante rende possibile infatti degli iter semplificati per i danni prodotti dal maltempo dell’Ottobre scorso e questi non sarebbero possibili senza l’approvazione dell’atto. Questa delibera è stata approvata con i voti favorevoli di Pd, Sinistra per Piombino e Spirito Libero, contrari Rifondazione comunista e Movimento 5 Stelle.



Tag

Di Maio: «No a qualsiasi forma di patrimoniale»

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Politica

Attualità