QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 17°29° 
Domani 19°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 21 giugno 2018

Lavoro giovedì 22 febbraio 2018 ore 21:16

"Conoscere reali intenzioni nuova proprietà"

Commenti soddisfatti da parte di Regione e sindacati per l'accordo raggiunto per il rilancio dell'acciaieria. Cauta l'Ugl che aspetta i dettagli



PIOMBINO — "Dopo una lunga giornata si è arrivati all'intesa tra le due società per l'acquisto di tutto il pacchetto Aferpi da parte di Jindal, comprensivo di tutti gli asset e degli accordi con sindacati e Governo. - ha detto il sindaco Massimo Giuliani - Ci togliamo finalmente da un impasse pericoloso con la migliore delle due opzioni che avevamo: indubbiamente meglio la cessione che un altro processo commissariale".

"La Fiom ritiene positivo che si sia arrivati a questa soluzione in questo modo, evitando quello che poteva essere un lungo e pieno di incognite contenzioso legale nei riguardi di Cevital", così Rosario Rappa segretario nazionale Fiom e Mirco Rota coordinatore nazionale per la siderurgia hanno salutato la notizia dell'accordo raggiunto tra Cevital e il gruppo indiano Jindal per il rilancio dello stabilimento siderurgico piombinese oggi Aferpi. Soddisfazione anche da parte di Fim e Uilm.

Ora si apre una nuova fase, nella quale confrontarsi con la nuova proprietà per prevedere, a partire dal nuovo piano industriale (leggi qui sotto l'articolo correlato).

"Questo significativo e importante risultato - hanno aggiunto - è frutto dell'iniziativa di lotta e di mobilitazione dei lavoratori di Piombino e dell'impegno, che va riconosciuto, del Governo e delle Istituzioni locali, Regione Toscana e Comune di Piombino".

E proprio il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha espresso tutta la sua soddisfazione per l'intesa. Il presidente ha detto di essere molto soddisfatto perché in questo modo si riapre la prospettiva di tornare a produrre acciaio a Piombino, che è ciò che interessa principalmente alla Regione, perché significa poter occupare nuovamente tutti gli addetti.

Prudente il commento di Ugl. "Ci riserviamo le valutazioni al termine della presentazione del piano industriale. - ha detto il segretario generale di Ugl metalmeccanici Antonio Spera - Solo in quel momento, quando conosceremo le reali intenzioni da parte della nuova proprietà, sia relative alle maestranze dirette ed indotto, produzioni e bonifiche potremmo esprimere un giudizio”.

Intanto venerdì alle ore 15 si terrà il Consiglio di fabbrica con tutti i lavoratori per rendere noti eventuali sviluppi. Al margine del convegno al Phalesia, inoltre, il ministro Calenda ha confermato che incontrerà la Rsu Aferpi e Piombino Logistics.

Dina Maria Laurenzi
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Lavoro

Politica