QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 14°16° 
Domani 15°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 20 maggio 2019

Attualità sabato 08 ottobre 2016 ore 11:46

Ok al controllo di vicinato, ma serve anche altro

Controllo del vicinato per un filo diretto con le forze dell'ordine, anche se le telecamere rassicurerebbero i cittadini di alcune zone della città



PIOMBINO — Si è svolto l'incontro promosso dall'Amministrazione comunale per il Controllo di vicinato. Ma in cosa consiste questo tipo di controllo? Non sono ronde e non si sostituiscono alle forze dell'ordine, ma possono aiutare a "sorvegliare" il territorio attraverso la promozione di alcune abitudini che rinsaldano, appunto, i rapporti di vicinato.

Suona un allarme a casa del vicino? Lo chiamo per accertarmi che sia tutto ok. Sento qualcuno urlare o un cane abbaiare? Mi affaccio per controllare se c'è qualcosa che non va. Queste sono solo alcune delle accortezze che un controllore del vicinato può mettere in pratica nella vita quotidiana. Accortezze, certo, che da sole non risolvono tutti i problemi di sicurezza, ma che assieme ad altre rappresentano una vera e propria task force.

Dotare le proprie case di allarme, illuminare i meandri più scuri nel retro dell'abitazione o una porta con una serratura sicura per esempio rientrano in quella serie di precauzioni che, prima di tutto, mettono in sicurezza il luogo in cui viviamo.

E le telecamere? Di quelle non solo istallate dai privati che inquadrano il negozio, ma di quelle con leggi pubbliche, s'intende, sono in ogni caso un deterrente. E lo hanno chiesto a gran voce i residenti e i commercianti di via Pisacane dopo gli ultimi atti vandalici avvenuti nella zona (leggi l'articolo correlato). "Non sentitevi abbandonati", ha detto loro l'assessore Claudio Capuano invitandoli nel suo ufficio per discutere del caso e pensare insieme a una soluzione. 

Agli appelli per una maggiore sicurezza e controllo si sono aggiunti i rappresentanti della zona Poggetto-Cotone e della zona Portici per esempio che con un sistema di videosorveglianza si vedrebbero certamente più tutelati. 

I coordinatori del Controllo di Vicinato, arrivati a Piombino per raccontare la loro esperienza, sono stati chiari: occorre mettere insieme tutti i fattori per far sì che un condominio, una via, una zona o un quartiere siano più sicuri. Da parte dell'Amministrazione comunale la volontà di valutare la sostituzione del sistema di illuminazione nell'ambito di un progetto di efficientamente energetico e la reale esigenza di telecamere, mentre per quanto riguarda il Controllo di Vicinato sono a disposizione in Comune i moduli e il vademecum per chi vuole avviare questo sistema. Le forze dell'ordine, infine, sono l'ultimo anello di questa catena che potrebbe vedere nel Controllo di vicinato un filo diretto mirato con i cittadini.

Dina Maria Laurenzi
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Elezioni

Elezioni

Elezioni