QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 21°25° 
Domani 19°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 16 giugno 2019

Attualità martedì 25 dicembre 2018 ore 14:34

Chiusure per le feste, “niente è cambiato”

I sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Toscana: “Il Governo aveva promesso le chiusure domenicali”. La richiesta in Commissione lavoro



PIOMBINO — Sciopero nel commercio proclamato da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Toscana per Natale, Santo Stefano e Capodanno. Lo hanno annunciato Filcams, Fisascat e Uiltucs della ToscanaIl ribadendo: “Il Governo aveva promesso la chiusura per le domeniche, ma niente è cambiato”.

“Il Ministro Di Maio e il Ministro Salvini avevano promesso la modifica della Legge Monti con l'individuazione delle Festività con l’obbligo di chiusure per tutti e la reintroduzione della chiusura per le domeniche. - hanno ribadito in una nota diffusa a ridosso delle feste - Siamo arrivati di nuovo alle festività natalizie e niente è cambiato. Noi diciamo: basta promesse, no al sempre aperto; no a lavorare per le feste; il commercio non è un servizio essenziale. Il Governo - hanno aggiunto - recepisca la proposta unitaria di Filcams, Fisascat e Uiltucs presentata in Commissione lavoro che prevede: 12 festività civili e religiose con obbligo di chiusura per tutte le attività commerciali; 12 domeniche massime l'anno di deroga alla chiusura, da concordare tra Enti locali e Parti Sociali. In attesa di veder realizzate le richieste, Filcams, Fisascat e Uiltucs della Toscana proclamano astensione e sciopero dal lavoro per il 25 e 26 dicembre 2018 e per il 1° gennaio 2019”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Sport

Spettacoli