QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 12° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 19 marzo 2019

Cronaca giovedì 20 dicembre 2018 ore 17:50

Furti in auto, presa la coppia dell'auto gialla

La coppia aveva appena rubato una borsa in sosta in zona Perelli portando. I carabinieri li hanno intercettati e fermati sulla Geodetica



PIOMBINO — In arresto una coppia di pregiudicati sorpresi a rubare in un'autovettura.

Erano poco passate del 15 di martedì 18 dicembre quando è arrivata la segnalazione alla centrale operativa di un'auto gialla che si aggirava con fare sospetto tra i parcheggi e le varie abitazioni isolate in località Perelli a Piombino.

In allerta varie pattuglie, quella della Stazione di Suvereto ha incrociato l'auto sospetta sulla strada geodedica che ha accelerato bruscamente alla vista dei militari. Dopo alcune centinaia di metri i militari hanno notato che le persone a bordo della macchina hanno lanciato via dal veicolo una borsa. L'auto è stata fermata e si è proceduto al controllo. 

Identificate le due persone a bordo: H.J. di 50 anni e Z.N. di 47 anni, marito e moglie cittadini italiani di origine slava residenti nel grossetano, disoccupati e pregiudicati per reati contro il patrimonio. I due non erano nuovi alle forze dell'ordine, nell'aprile di quest'anno erano già stati arrestati dai carabinieri di Venturina.

A seguito degli accertamenti effettuati, i carabinieri di Suvereto hanno accertato che i due, pochi istanti prima di essere fermati, avevano messo a punto un furto su un veicolo lasciato in sosta nel parcheggio di Perelli 2 portando via una borsa con al suo interno documenti e la somma di 100 euro tutto restituito alla legittima proprietaria.

La coppia è stata portata in caserma per la ricostruzione puntuale degli avvenimenti e la formalizzazione degli atti di rito, al termine dei quali sono stati arrestati per il reato di furto aggravato. I due sono agli arresti domiciliari, visto il concreto pericolo di reiterazione del reato, in attesa dell'udienza di merito fissata per il 15 gennaio 2019.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità