QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 12°13° 
Domani 13°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 05 dicembre 2019

Politica venerdì 04 ottobre 2019 ore 14:16

Giunta Ferrari, "disomogeneità fra le deleghe"

Fabrizio Callaioli

Dal Prc nuovi dubbi sul rimpasto delle deleghe nella Giunta Ferrari. "L’ingresso di Bezzini quando la stagione politica si preannuncia più calda"



PIOMBINO — "Poche idee e ben confuse", così il consigliere Fabrizio Callaioli e il direttivo di Rifondazione Comunista hanno esordito commentando le recenti decisioni del sindaco Francesco Ferrari sul rimpasto di giunta e la nomina di un nuovo assessore all'Ambiente.

"Per primi, appena composta la giunta, sollevammo delle perplessità per il conflitto d’interessi che coinvolgeva l’ormai ex assessore Piacentini all’ambiente (leggi qui l'articolo correlato). Dopo quattro mesi i fatti ci hanno dato ragione. - hanno detto in una nota - Lo stesso sindaco, sulla stampa, pur insistendo sull’inesistenza di conflitti di interesse, ammette che 'il suo operato rischiava di essere sistematicamente messo in dubbio per via dei suoi trascorsi professionali'. Ma: se sei convinto dell’inesistenza di qualsiasi incompatibilità, non cambi strada per il timore di veder sollevata la questione. Anche perché, fino ad ora non è che avessimo assistito alla realizzazione di chissà quali politiche, seppur in pochi mesi per carità, e corrispondentemente non è che ci fosse stato chissà quale scontro. Quindi, quello che è stato elaborato ora, poteva essere capito bene anche prima".

"Il sindaco dice che la scelta di Carla Bezzini per l’assessorato all’ambiente è dovuta alla necessità di maggiore competenza politica. Buonasera, si direbbe al bar. Ma quel che fa riflettere, è la coincidenza dell’ingresso in giunta di Bezzini proprio quando la stagione politica si preannuncia, come suol dirsi, più calda. Che dire infatti dell’imminente scadenza del termine per presentare una variante al regolamento urbanistico, e con quella effettuare la tanto promessa modifica di destinazione d’uso della discarica Li53, funzionale ad ostacolare l’ampliamento della discarica di Rimateria. Se l’amministrazione non riuscisse ad approvare lo strumento urbanistico nei termini di legge, la destinazione d’uso della detta discarica non varierebbe e sfumerebbero tutti i propositi della battaglia ambientale promessa dal sindaco in campagna elettorale. La patata allora sì, che si farebbe bollente: proprio ora che viene nominata la Bezzini".

Ma la confusione secondo Rifondazione Comunista è tanta, esempio è l'assegnazione delle deleghe.

"Non pare razionale dissociare le deleghe per sanità e sociale. Il sociale è stato affidato alla Bezzini e la sanità è stata lasciata al Palombi, che ha assunto anche l’urbanistica. Oltretutto, come dicemmo a giugno, anche Palombi è suscettibile di censure allorché si tratta di sanità e di ospedale. In un modo o nell’altro è dipendente dell’Asl e la sua difesa, per esempio, dell’ospedale unico con Cecina, non può non sollevare dei sospetti. Se infatti si schierasse fermamente contro il riassetto ordito dal servizio sanitario regionale e dalla direzione della mega Asl pisana, come non temere degli imbarazzanti richiami dai suoi superiori gerarchici? Con conseguente lesione della sua indipendenza? Insomma, il rimpasto si palesa come un’occasione perduta per evitare, anche nel caso del Palombi, polemiche su eventuali conflitti di interesse. Ugualmente, non può non suscitare una certa meraviglia la riduzione di deleghe che ha colpito il vicesindaco. Il Parodi ha perso le attività produttive e il commercio, ma ha conservato cultura, beni culturali, turismo e affari generali e ha acquisito le infrastrutture. Sinceramente, oltre alla riduzione, registriamo anche una certa disomogeneità fra le deleghe. Non ricordiamo un assessore alla cultura che si occupasse anche di infrastrutture, che invece sono sempre state insieme all’urbanistica, o al limite ai lavori pubblici. Se si ricorda la sopra commentata stridente divisione fra sociale e sanità, ne emerge davvero un quadro pasticciato. - e hanno concluso - Alla fine, non si sa cosa pensare, se il rimpasto sia frutto di una strategia un po’ strumentale o di una certa confusione di idee, ma di sicuro non di una strategia illuminata".



Tag

Bazzano, custode di una villa spara ai ladri dalla finestra: uno muore e l'altro fugge

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Politica

Attualità