QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 11°26° 
Domani 11°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 21 ottobre 2018

Politica lunedì 24 settembre 2018 ore 19:00

Il consigliere Mosci abbandona la maggioranza

Il metodo usato dal Partito Democratico non va giù. Per questo il consigliere Mosci di Sinistra per Piombino cambia scranno



PIOMBINO — Dal prossimo Consiglio comunale il consigliere Marco Mosci di Sinistra per Piombino sarà seduto dall'altro lato dei banchi. Insomma non affiancherà più i colleghi di maggioranza.

La notizia è passata attraverso un commento Facebook nel quale il consigliere conferma di aver inviato una mail alla segreteria del Consiglio comunale.

I motivi dietro questa decisione? La metodologia usata dal Partito Democratico sfociata in vera e propria arroganza, come ha confessato il consigliere alle nostre domande. 

Con molta probabilità la questione discarica è stata la goccia che ha fatto traboccare, ma tante altre sono le problematiche riscontrate. "Ho ricordato a me stesso che le persone mi hanno eletto e che di me si fidano", ha detto. 

All'attuale Amministrazione viene criticata infatti la mancanza di programmazione se si pensa alla vendita dei licei e al futuro della biblioteca che deve trovare nuova collocazione in attesa della fine dei lavori del polo culturale. Altro tasto dolente è stato il percorso per il piano del traffico, al quale il consigliere teneva particolarmente, per il quale sono emerse alcune divergenze. E ancora: il percorso intrapreso per il piano strutturale d'area che stando così le cose si accavallerebbe con la fine di questa Amministrazione e quella post elezioni comunali 2019. Per non parlare, infine, dell'investimento del Comune per la candidatura di Piombino a Città europea dello sport nel 2020. 

Il consigliere Mosci, pur aderendo alla maggioranza, si è sentito di non avere per nulla voce in capitolo. Tale comportamento è stato interpretato come arroganza che lo ha spinto a cambiare rotta.

Dina Maria Laurenzi
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Cronaca

Attualità

Politica