QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 13°16° 
Domani 13°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 12 novembre 2019

Politica giovedì 28 giugno 2018 ore 16:40

Lite nel centro di accoglienza, la nota del Pd

Il Pd non minimizza la violenta lite nel centro di accoglienza accaduta nei giorni scorsi, ma alla Lega critica il ricorso alla strumentalizzazione



PIOMBINO — Dopo la violenta lite avvenuta nei giorni scorsi in un centro di accoglienza a Piombino e le recenti dichiarazioni della Lega, il Partito Democratico della Federazione della Val di Cornia è voluto intervenire sulla questione.

In primo luogo ha voluto ricordare alla Lega che "una politica seria non deve rincorrere e strumentalizzare un fatto di cronaca come quello accaduto recentemente nel centro di accoglienza della Croce Rossa, incutendo nella gente timori e paure per la loro sicurezza personale".

"Non volendo minimizzare un violento fatto di cronaca avvenuto all’interno di un centro di accoglienza, - hanno aggiunto in una nota - si rileva che per quanto nella nostra zona siano stati assegnati numerosi migranti, fino ad oggi la gestione degli stessi centri appare positiva ed è impensabile che questi centri debbano essere gestiti come delle prigioni, ghetti, magari con filo spinato e corrente elettrica; non può essere di certo negata la possibilità a questi ragazzi di muoversi liberamente in bici o a piedi dalle zone che li ospita".

"Certamente - hanno proseguito - la sicurezza dei cittadini deve essere garantita ed è auspicabile per questo una maggiore presenza delle forze dell’ordine sul territorio, ma non solo nell’ambito di un controllo di una politica migratoria, ma anche per qualunque atto malavitoso compiuto da chicchessia, come spesso purtroppo si legge nella cronaca locale".

Sul fronte politico la segreteria di Federazione Pd e il responsabile immigrazione cooperazione Riccardo Bianchi hanno voluto ricordare i progetti di lavori socialmente utili per avvicinare i migranti alla città e la legge sul caporalato proposta dal Pd su scala nazionale. 

"Piuttosto - hanno concluso - con riferimento alle politiche scellerate dei governi di centrodestra, ove la Lega era ben presente, sono ascrivibili la maxi sanatoria di 700mila migranti nel 2002, la firma del trattato di Dublino sui paesi obbligati ad ospitare migranti nel 2003, ora rimesso in discussione, ed infine all’autorizzazione dell’utilizzo delle basi italiane per bombardare la Libia nel 2011 che hanno portato il paese a gestire l’emergenze che stiamo vivendo".



Tag

Meloni: "Draghi al Colle? Not in my name"

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Politica