QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 23°30° 
Domani 21°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 18 giugno 2019

Attualità martedì 26 luglio 2016 ore 11:02

Mozziconi a terra, in Val di Cornia nessuna multa

Questo il risultato a 6 mesi dall'entrata in vigore del provvedimento che vale anche per carte e gomme. Del resto la sanzione scatta solo in flagranza



PIOMBINO — Dal 2 febbraio 2016 è entrata in vigore la nuova legge 221 del 28 dicembre 2015 che prevede multe fino a 300 euro per chi getta le cicche di sigaretta per terra, oltre che nelle acque o negli scarichi.

Un provvedimento che mira al rispetto dell'ambiente, al senso civico e al decoro urbano. Fumare, oltre a far male alla salute, non è affatto ecologico. L’inquinamento da cicche di sigaretta è un vero problema, basti pensare che per smaltire naturalmente questo rifiuto vengono impiegati almeno 5 anni, senza pensare alle sostanze tossiche, come nicotina, ammoniaca e benzene, che vengono sprigionate. Ma la legge 221 ha pensato anche a chi per strada getta scontrini fazzoletti, di carta e gomme da masticare, prevedendo una sanzione da 30 a 150 euro. 

Abbiamo chiesto ai comandanti della polizia municipale dei Comuni della Val di Cornia se da febbraio a oggi hanno emesso delle multe in questo senso. Negativo, nessuna sanzione.

Di fatto, l'art.40 della nuova legge prevede anche che i Comuni provvedano a installare nelle strade, nei parchi e nei luoghi di alta aggregazione sociale appositi raccoglitori per la raccolta dei mozziconi e altri piccoli rifiuti. Quindi, o i fumatori hanno imparato la lezione e cercano gli appositi dispencer per gettare i loro mozziconi o i controlli contro le cattive abitudini non sono sufficienti. Del resto la sanzione scatta solo se la persona viene colta in flagrante. Basta farsi un giro per Piombino, Campiglia Marittima, San Vincenzo, Suvereto e Sassetta per avere una risposta. 

Nel Comune di Piombino, invece, il problema ha ben altre dimensioni. Parliamo degli escrementi dei nostri amici animali abbandonati sui marciapiedi della città; per i padroni schizzinosi e svogliati, o che non hanno i sacchetti per la raccolta, secondo il nuovo regolamento della polizia municipale, grava una multa dai 50 ai 300 euro.

Dina Maria Laurenzi
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Politica

Attualità