QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 17° 
Domani 11°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 14 novembre 2019

Lavoro venerdì 09 agosto 2019 ore 06:00

"Indispensabile rivedere l'Accordo di programma"

Foto di archivio

E' l'opposizione Cgil a dirlo commentato l'esito degli ultimi incontri al Mise sulle questioni Jsw. Chiesta la mobilitazione di sindacati



PIOMBINO — "I giorni passano e l’orizzonte a Piombino per i lavoratori e le lavoratrici della Jsw Steel Italy si fa sempre più fosco. Dopo le ultime riunioni del 9, 23 Luglio e 6 Agosto, conclusi con un nulla di fatto tra azienda e Governo, diamo una valutazione assolutamente negativa della situazione, così come valutiamo negativamente l’attesa immobile, da parte delle Organizzazioni Sindacali presenti in azienda, della nuova riunione di Settembre che inevitabilmente dovrà riaffrontare il rinnovo della cig in scadenza in autunno". E' l'opposizione Cgil a tirare una linea a pochi giorni dal nuovo incontro al Ministero dello Sviluppo economico sulle questioni legate allo stabilimento siderurgico piombinese (leggi qui sotto gli articoli correlati).

"A nostro parere il governo latita, senza uno straccio di politica industriale e il piano Jindal è fallito. - ha commentato in una nota l'opposizione Cgil - Bisogna prenderne atto e da questo partire con nuovi scenari che inevitabilmente dovranno vedere forti interventi pubblici se vogliamo che Piombino abbia un futuro diverso da quello attuale. Crediamo sia necessario sapere quanti lavoratori non rientreranno in azienda proponendo, oltre all’impiego nella diversificazione economica (bonifiche, demolizioni, infrastrutture viarie/ferroviarie e portuali, commercio, agricoltura di qualità, cantieristica, nautica, archeologia industriale e museale) anche uscite volontarie ed incentivate. Inoltre, l’intervento pubblico in siderurgia deve avere alle proprie spalle un progetto chiaro (verticalizzazione della produzioni, acciai di alta qualità, servizi alle imprese, interscambio con Università e centri di ricerca), per evitare di subire le pretese dei vari Rebrab e Jindal, nonché il riprodursi di inutili carrozzoni".

"All’interno di questa strategia è indispensabile la revisione dell’Accordo di Programma, - hanno aggiunto - per imporre a Jindal un minimo di regole ed obblighi che non dovrebbero spaventare chi si è proposto 14 mesi fa di investire 1 miliardo di euro. Tutto questo ha bisogno della mobilitazione dei sindacati, delle istituzioni locali e regionali, dei lavoratori e dei cittadini della Val di Cornia e delle Colline Metallifere per fare di Piombino e del suo comprensorio un caso nazionale".



Tag

Mose, Fiorello in diretta: «7 mld per un opera che non serve a niente»

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Politica

Politica