QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 16° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 16 gennaio 2019

Politica venerdì 14 dicembre 2018 ore 16:20

Pale eoliche al Quagliodromo, i dubbi della Lega

Foto di archivio

Rombai: "Questa vicenda genera qualche perplessità, perché si ricollega alla questione complessiva del Sin e del futuro sviluppo di tutta Piombino"



PIOMBINO — Lega Nord Val di Cornia mette la lente sull'installazione di 6 pale eoliche in zona Quagliodromo, progetto "un tempo affidato alla Fera e che oggi invece, sulla base di quanto indicato nel cartello esterno all'area di cantiere, saranno realizzate dalla società elettrica Ligure-Toscana, che però ha la sede legale a Bolzano".

"Ora, pur sostenendo le energie rinnovabili, non possiamo non osservare che questa vicenda dell'installazione delle pale eoliche genera qualche perplessità, perché si ricollega alla questione complessiva del Sin e del futuro sviluppo di tutta Piombino. - ha segnalato Tiziano Romabi della Lega Val di Cornia in una nota - Questo futuro, secondo il Partito Democratico è chiaramente un enorme cacciucco, che va avanti dai tempi dei Fanghi di Bagnoli, nel quale troviamo siderurgia, navi da crociera, agroittica, demolizioni navali, aree contaminate, discariche grandi quanto 100 campi di calcio di materiali speciali e pericolosi, porti turistici, pale eoliche e poveri bagnanti che prendono il sole al Quagliodromo soffocati da puzzo e rumore".

"Il progetto delle pale eoliche sembrava fosse stato stato messo in stand by, con l’arrivo di Rebrab e della sua rotonda ferroviaria al Quagliodromo, ed invece adesso riparte, nel silenzio generale con un’altra società. Chiaro è che qualcuno aveva paura del dissenso per la fine annunciata dell’ultima spiaggia rimasta davvero ai piombinesi che, per un progetto che, notate bene, genera zero posti di lavoro, si vedono togliere anche l’amato Quagliodromo che tra il puzzo della discarica e il rumore dei generatori potrebbe diventare di fatto impraticabile. - ha aggiunto Rombai - Siamo favorevoli all’eolico, ma se fatto in mare aperto come nel resto d’Europa o sulle montagne, e se questi parchi eolici generano anche posti di lavoro per i residenti, non se queste vincolano un’area vista mare lunga due chilometri e larga 500 metri nel golfo di Follonica e danno lavoro di fatto solo a chi le costruisce".

E le bonifiche del Sin? "Per questo diciamo sin d’ora che probabilmente le bonifiche del Sin nella prossima legislatura non si potranno fare neanche se al governo ci sarà un’amministrazione virtuosa, perché qualcuno oggi ha già lottizzato tutta l’area, impedendo quella diversificazione che invece vogliono i piombinesi, e che chi è al governo locale oggi vuole probabilmente impedire per motivi ideologici, rendendo economicamente non più conveniente la bonifica stessa. Pur di lottizzare il Sin, questa amministrazione non si è certo peritata di bocciare due referendum cittadini ed avviare quel suicidio politico in piena regola del locale Partito Democratico".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Politica

Lavoro