QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 21°25° 
Domani 20°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 21 settembre 2019

Lavoro giovedì 16 novembre 2017 ore 10:22

Pulizie e mense, si ritratta sugli ammortizzatori

Una foto del flash mob organizzato dalle lavoratrici

Lo segnalano Filcams Cgil e Ugl Terziano che da mesi sostengono le addette a pulizie e mensa di Aferpi. Coinvolte anche le pari opportunità



PIOMBINO — Continua la vicenda delle lavoratrici delle mense e delle pulizie di Aferpi. Ad aggiornare sul percorso di Filcams-Cgil e Ugl Terziario che hanno seguito le lavoratrici durante un percorso molto articolato per vedere riconosciuto un ammortizzatore della stessa durata dei colleghi metalmeccanici (leggi gli articoli correlati).

"Furono coinvolti le istituzioni locali e le pari opportunità che in un consiglio comunale portarono all'ordine del giorno una mozione approvata, all'unanimità, da tutte le forze politiche dove si chiedeva un diritto al lavoro e alla dignità con utilizzo di un ammortizzatore per compensare quelle ore per le quali oggi non è possibile più lavorare. - hanno ricordato in una nota - Ma è bene ricordare che queste persone ancora lavorano, con turni saltuari di due/tre ore che iniziano anche alle 6 di mattina".

Ad oggi si chiede che sia data loro la possibilità di salvaguardare quel poco di lavoro che ancora rimane

"Nel mese di giugno è stato sottoscritto, dalle aziende e sindacati, un verbale per la riattivazione della cassa integrazione. Ammortizzatore - hanno denunciato - che a settembre ci risulta sia stato approvato e che a distanza di quasi due mesi lo stesso Ministero che lo aveva concesso rimette in discussione".

Ecco perché a questo punto è lecito chiedere spiegazioni. "La gravità sta nel fatto, non solo perché potrebbe significare che una sessantina di lavoratrici diventerebbero nuove disoccupate della così tanto proclamata area di crisi complessa, ma soprattutto significherebbe che non esiste un trattamento paritario con decreti straordinari concessi per alcuni lavoratori e decreti approvati e poi modificati in peius per altri". 

Ancora una volta le organizzazioni sindacali sono a chiedere la collaborazione e il sostegno di tutte le forze politiche, commissione delle pari opportunità e associazioni. Un incontro è fissato per oggi e saranno decisi i percorsi da seguire.



Tag

Regionali Umbria, Di Maio: «No ai partiti nella futura giunta»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità