QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 14° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 17 novembre 2019

Elezioni venerdì 19 aprile 2019 ore 17:48

Sopralluogo di Tempestini e Ticciati in discarica

Le candidate a sindaco di Piombino e Campiglia hanno incontrato presidente e direttore della discarica Rimateria. Questa la loro posizione



PIOMBINO — Le candidate a sindaco di Piombino e di Campiglia Marittima, Anna Tempestini e Alberta Ticciati, hanno effettuato un sopralluogo nella discarica di Rimateria. Sono state accompagnate dal presidente della società Claudia Carnesecchi e dal direttore Luca Chiti. 

"E’ emersa una realtà che nei fatti smentisce molti luoghi comuni. - si legge in una nota - E’ innegabile che l’azione di risanamento della discarica ex Asiu stia causando disagi ai cittadini ed è da apprezzare la disponibilità dell’azienda a sottoporsi a qualsiasi controllo in materia sanitaria e ambientale. Rimateria ha in corso il completamento dei pozzi di aspirazione del biogas, che fanno tra l’altro parte delle prescrizioni della Regione. Questa è la causa delle maleodoranze avvertite e innegabili, ma che dall’altro lato confermano l’importante lavoro di ambientalizzazione in atto che, ovviamente, richiede tempi e risorse finanziarie adeguate. Risorse che Rimateria sta ricercando in proprio. Da qui la decisione di far convergere capitali pubblici e privati in un’azione di interesse comune: il risanamento di una rilevante parte del territorio gravemente compromessa da decenni di attività siderurgica".

"L’ingresso dei privati tuttavia risponde anche alle prescrizioni della legge Madia. - viene aggiunto - In sostanza la presenza pubblica nella società poteva essere confermata solo individuando un interesse generale. Cosa che hanno fatto in Comuni di Piombino, Campiglia e San Vincenzo in presenza di una forte estrazione di materiale di cava che può essere in gran parte sostituito da quello riciclabile proveniente dalle lavorazioni siderurgiche. Attività che auspichiamo possano riprendere al più presto ma che continueranno a produrre scorie, anche nel caso di un’acciaieria elettrica, in parte riciclabili e in altra inevitabilmente da conferire in una discarica controllata. Siamo dunque di fronte a una grande mistificazione di chi promette di impedire una nuova discarica e, conseguentemente, l’azione di risanamento del territorio".

"Si sostiene da più parti che l’ingresso dei privati possa sbilanciare l’azione di Rimateria in favore dell’interesse privato. - prosegue la nota - Il presidente Carnesecchi ha ribadito che, nei contratti stipulati con Unirecuperi e Navarra, il pubblico si è riservato le facoltà di indirizzo: qualsiasi decisione non potrà prescindere dal parere del socio pubblico. Rimateria sta dunque lavorando concretamente al progetto di bonifica. Il recupero a fini produttivi dell’area di 36 ettari occupata dalla discarica abusiva ex Lucchini appare ad ogni logica fondamentale. Per affrontare questa sfida Rimateria ha senza dubbio bisogno di risorse economiche. Solo per risanare la discarica LI53 l’azienda prevede un investimento di 9 milioni. Risorse che possono arrivare da un trasparente rapporto con i privati o da un consistente intervento pubblico. Nel secondo caso appare indispensabile che parte dei 50 milioni, messi a disposizione dall’accordo di programma del 2014, di cui la disponibilità è stata affidata a Invitalia, vengano rivolti al progetto di risanamento proposto da Rimateria".



Tag

Acqua alta a Venezia, sui social si sdrammatizza così

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Spettacoli