comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:06 METEO:PIOMBINO15°20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 26 ottobre 2020
corriere tv
Conte firma il nuovo dpcm: bar e locali chiusi dalle 18

Attualità giovedì 17 settembre 2020 ore 22:32

"Battaglia non finita, variante passo importante"

Striscioni del Comitato Salute Pubblica

E' il Comitato Salute Pubblica a commentare l'approvazione della variante urbanistica che modifica la destinazione d'uso dei terreni di discarica



PIOMBINO — Il Comitato Salute Pubblica, all'indomani del Consiglio comunale che ha visto approvare la variante urbanistica Rimateria, ha espresso la sua soddisfazione e il suo ringraziamento a sindaco, assessori e consiglieri di maggioranza presenti "per la forza e il coraggio che hanno dimostrato con il loro voto". 

"Sì, il coraggio, - ha commentato in una nota il Comitato - perché molte sono state le pressioni pervenute in questi mesi e ieri nell’aula consiliare per impedire l’approvazione della variante urbanistica. Prima fra tutte la richiesta di Navarra relativa a un ipotetico danno di 25 milioni di euro, successivamente la presa di posizione di Unirecuperi, a 3 giorni dal Consiglio comunale e non ultime le possibili ripercussioni economiche paventate dai consiglieri di opposizione che ieri, senza esclusione di colpi, hanno fatto pesare su tutti i votanti". 

"Nessuno si è ricordato del disastro economico creato in ambito Asiu relativo a un buco di svariati milioni di euro che è stato causa di tutti i problemi che oggi ci portiamo sulle spalle, casse del Comune in rosso, la vendita ai privati delle quote di Rimateria, con tutte le conseguenze del caso. - ha aggiunto - Il sindaco, gli assessori e i consiglieri presenti con forza e determinazione hanno portato avanti fino in fondo quanto promesso ai cittadini in campagna elettorale. Non è una cosa da tutti e noi ne vogliamo riconoscere il merito!".

Commentato anche l'atteggiamento delle opposizioni che secondo il Comitato "hanno espresso delle contraddizioni in termini. Da una parte affermano che la Regione Toscana ha di fatto già scongiurato il raddoppio della discarica, ma se così fosse, i privati dovrebbero chiedere rimborsi milionari alla regione e non al comune di Piombino. Ed inoltre, quale problema ci sarebbe a fare un’area verde in una zona dove non si può fare attività di discarica grazie ai provvedimenti adottati nella Via (Valutazione Impatto Ambientale) della regione Toscana? Quali implicazioni economiche? Dall’altra invece viene detto a gran voce che è il Comune con questa variante a impedire il raddoppio dei volumi di discarica da cui le ripercussioni economiche dei soci privati. Si mettano d’accordo una volta per tutte. Soci privati che, all’atto dell’acquisto delle quote societarie, per altro, non avevano la certezza dell’approvazione dell’Aia (Autorizzazione Integrata Ambientale) e dell’utilizzo in pieno degli spazi della discarica. Infine evidenziamo che la Regione Toscana, nonostante siano trascorsi circa 45 giorni dal deposito dell’Aia richiesta da Rimateria, non ha ancora provveduto alla pubblicazione della stessa. Cosa si sta aspettando? Quali sono i motivi di questo ritardo? Noi vogliamo sapere i termini esatti di questa richiesta, sarebbe servito soprattutto ieri a tutti i consiglieri, per chiarezza, sapere le intenzioni dell’Azienda".

"I nostri ringraziamenti vanno anche a tutti i cittadini che ci hanno sostenuto, che hanno incoraggiato il Comitato a non darsi per vinto e a continuare a rappresentare le loro richieste e i loro timori per il futuro della nostra città. La nostra battaglia - ha concluso - purtroppo non è ancora finita, ma questo è un passo importante nella giusta direzione".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità