QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 13°14° 
Domani 14°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 19 novembre 2019

Attualità martedì 21 febbraio 2017 ore 09:00

Il presidio di Libera ricorda Rossella

Rossella Casini

Il presidio di Libera "Rossella Casini" di San Vincenzo/Castagneto Carducci ricorda la vittima di mafia di cui porta il nome



SAN VINCENZO — Il 21 marzo in occasione della 22esima Giornata della memoriae dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, il presidio Libera di San Vincenzo sarà a Prato per la manifestazione regionale nel corso della quale saranno scanditi i nomi delle vittime di mafie tra cui quello di Rossella.

"La sera del 22 febbraio del 1981 Rossella Casini, da una cabina telefonica di Palmi, in provincia di Reggio Calabria, telefonò al padre, a Firenze, per dirgli che l'indomani sarebbe tornata a casa. Non arrivò mai nel capoluogo toscano, la 'ndrangheta la inghiottì in un vortice di violenza e bestialità. - ricorda il presidio - Nel 1994 un pentito di Cosa Nostra, Vincenzo Lo Vecchio, latitante a Palmi all'inizio degli anni '80, raccontò ai magistrati di aver saputo che Rossella era stata rapita, violentata, uccisa, fatta a pezzi e gettata nella tonnara della cittadina calabra. Da quella deposizione, nel 1997, nacque il processo che portò alla sbarra il fidanzato di Rossella, Francesco Frisina, con la sorella Concetta e il capo cosca Domenico Gallico. Nel 2006, dopo un processo pieno di intoppi e intralci burocratici, senza altri testimoni oltre al pentito, senza il corpo della vittima, furono tutti assolti con la formula del dubbio".



Tag

Caso Cucchi, Gabrielli: «Chi ha offeso dovrebbe chiedere scusa»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Politica