QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 25°30° 
Domani 24°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 19 agosto 2019

Attualità martedì 08 novembre 2016 ore 10:31

Alla scuola ci pensa il Comune, non i genitori

Foto d'archivio

Anche se in questi giorni i genitori si sono ritrovati tra le mani una richiesta di contributo volontario, il sindaco Parodi ricorda l'impegno preso



SUVERETO — Che la scuola stili un elenco di oggetti per invitare i genitori a rifornire l'istituto di penne, matite, fogli di carta e quant'altro possa servire al regolare svolgimento delle lezioni non è cosa nuova. 

L'ultima protesta, in ordine di tempo, è quella che ha riguardato una struttura piombinese riguardo l'acqua per i bimbi della scuola dell'infanzia. A Suvereto la situazione non è diversa anche se il sindaco Giuliano Parodi, tramite una nota su Facebook, fa sapere che il contributo è rigorosamente volontario. 

Infatti, in questi giorni la scuola ha consegnato una lettera a tutti i genitori con le modalità di pagamento dell'assicurazione (obbligatoria 5.50 euro) e di un eventuale contributo volontario.

"Il contributo è volontario, - ha sottolineano - ma vi comunico che il comune ha fatto acquisti extra (oltre al contributo stabilito in convenzione che il comune versa all'istituto comprensivo per coprire tutte le spese quotidiane) di materiale x uso quotidiano (pennarelli, carta, cartoncini, tempere, colla ecc) per le 3 scuole su liste fornite dalle maestre, per circa 4000 euro, a copertura delle esigenze dell'intero anno scolastico".

"Le maestre sanno che per ogni esigenza devono rivolgersi al comune, e non ai genitori, che nei limiti di spese e tempo provvede. - ha aggiunto - Il principio che muove questa buona pratica, che il comune di Suvereto mette in campo da 2 anni, sta nel fatto che noi mettiamo la scuola al centro ed è giusto che le tasse che i cittadini/genitori pagano, vengano impegnate per qualificare la scuola. Il comune in questo modo cerca di alleggerire le famiglie dall'esosa abitudine dei contributi volontari".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità