QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 23°25° 
Domani 24°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 25 agosto 2019

Cultura martedì 14 maggio 2019 ore 09:48

Letteratura e Industria, un piombinese in finale

Foto di archivio

C'è anche uno scrittore piombinese tra i finalisti del Premio Letteratura e Industria di Biella presentati in occasione del Salone del Libro



TORINO — Nella prestigiosa cornice del 32mo Salone Internazionale del Libro di Torino sono stati annunciati i nomi dei cinque finalisti del Premio Biella Letteratura e Industria 18esima edizione.

Cinque i romanzi che concorreranno per un premio del valore di 5mila euro, che sarà consegnato durante la cerimonia conclusiva, in programma il 16 Novembre 2019 presso l’Auditorium di Città Studi di Biella. In quell’occasione saranno consegnati anche il premio Giuria dei Lettori, il Premio Confindustria Piemonte, il Premio Concorso per le Scuole Cuore, testa, mani, il premio Lions Bugella Civitas per la migliore recensione.

Tra i cinque finalisti c'è lo scrittore piombinese Alberto Prunetti con 108 metri. The new working class hero (Laterza), un libro che si addentra nel mondo dei cervelli in fuga descrivendo una realtà d'Oltremanica per nulla cool, lavori precari, risse, calcio, birra e sopravvivenza pura.

Mentre la Toscana porta Leonardo al Salone del Libro, nella cinquina dei finalisti spicca un altro toscano, il volterrano Maurizio Gazzarri con I ragazzi che scalarono il futuro (Edizioni Ets), un romanzo che descrive una storia unica di innovazione tecnologica, scientifica e culturale, e anche di amicizia. 

Gli altri tre romanzi selezionati sono: Rossana Balduzzi Gastini, con Giuseppe Borsalino. L’uomo che conquistò il mondo con un cappello (Sperling & Kupfer); Giorgio Falco, con Ipotesi di una sconfitta (Einaudi); e Eugenio Raspi, con Inox (Baldini + Castoldi).

La Giuria, presieduta da Pier Francesco Gasparetto, e composta Claudio Bermond, Paolo Bricco, Paola Borgna, Loredana Lipperini), Giuseppe Lupo, Marco Neiretti, Sergio Pent, e Alberto Sinigaglia, ha assegnato inoltre un Premio Speciale a Silvino Gonzato, che con Lievito madre. Storia della fabbrica salvata dagli operai (Neri Pozza) che racconta la tenacia degli operai della Melegatti nel tenere in vita quel prodigioso impasto e quindi la fabbrica e il posto di lavoro, permettendo anche di continuare la tradizione di uno dei dolci natalizi più noti e apprezzati al mondo.

L’iniziativa rientra nella Settimana della Cultura di Impresa, manifestazione nazionale promossa da Confindustria.



Tag

In cammino ad Amatrice con il Cai, per tenere in vita i luoghi bellissimi sconvolti dal terremoto

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Lavoro

Lavoro

Attualità