comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:30 METEO:PIOMBINO13°16°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 27 novembre 2020

DUE CHIACCHIERE IN CUCINA — il Blog di Sabrina Rossello

Sabrina Rossello

Due nomi due terre d’origine: la Toscana dove sono nata e cresciuta e la Sicilia da dove è partita la mia famiglia e di cui ho respirato tutte le molecole! Due mondi culinari diversi ma entrambe ricchi di sapori colori e cultura! È multipla anche la mia formazione: diplomata geometra, poi Architettura, a 40 anni per passione iscritta a Biologia e nel frattempo corsi di cucina, di wedding e tanta, tanta pratica come personal chef ed oggi sono esperta di cucina gluten free e di cucina salutare sulla basi scientifiche della dieta mediterranea. Nel 2015, ho inaugurato la mia scuola di cucina e di educazione alimentare. Ho scritto 2 libri: “Ti cucino una Storia” e “A tavola con noi – ricette gustose per umani e per cani” ed ho partecipato alla “Prova del cuoco” su Rai 1 e più volte ospite a “Tadà” su RTV38

Viva la pappa al pomodoro

di Sabrina Rossello - lunedì 20 aprile 2020 ore 07:25

Vi ricordate una Rita Pavone giovanissima che cantava “viva la pappapappa col popopopomodoroo”! Interpretava Gian Burrasca, personaggio protagonista di un libro classico della letteratura per ragazzi “Il giornalino di Giamburrasca” scritto, nel 1907, da Vamba (pseudonimo di Luigi Bertelli).

Chi non si ricorda, di questo ragazzino toscano, Giannino Stoppani, tanto irrequieto da guadagnarsi il soprannome di Gian Burrasca?

Io credo di aver sentito parlare della pappa al pomodoro proprio leggendo il libro.

In realtà si tratta di una antica pietanza, la cui origine è sicuramente da cercare nelle “tavole” dei contadini toscani. Era un piatto povero utile a riciclare gli avanzi di pane raffermo, cotto nella salsa di pomodoro, “improfumato” con del basilico fresco e un filo di buon olio di oliva extravergine toscano.

Oggi, la pappa al pomodoro, è diventata un piatto gustoso, ricercato e molto apprezzato; tant’è che, proprio per il mio lavoro di personal chef, mi ritrovo spesso a farla perché super richiesta. Il segreto della sua bontà sta proprio nella qualità dei suoi pochi e semplici ingredienti. Io, ormai l’ho rivisitata in molti modi: “all’amatriciana”, “all’uccelletto”, in bianco con i carciofi e altri modi, questa, che però vi propongo, è la ricetta base classica, proprio quella di cui Gian Burrasca cantava: - Viva la pappa al pomodoro!

Visita il mio sito www.sabrinarossello.it e se vuoi la ricetta della pappa al pomodoro con il Bimby clicca qui https://www.sabrinarossello.it/pappa-al-pomodoro-le-mie-ricette-con-il-bimby-tm6/

Ingredienti per 4 persone

  • 300 g pane toscano raffermo
  • olio extravergine di oliva
  • 1/2 carota
  • 1/2 gambo di sedano
  • 1/2 cipolla rossa media
  • 750 g passata fatta di pomodori “costoluti”
  • sale
  • pepe nero macinato fresco
  • 1 spicchio di aglio
  • Basilico fresco q.b.

Preparazione:

Tagliare il pane raffermo in fette spesse qualche centimetro, poi ritagliare le fette a piccoli cubetti di circa 3 cm di lato e farli tostare per circa 5 minuti in forno caldo a 180° gradi.

Intanto preparare un brodo vegetale con tutti gli odori.

Togliere dal forno il pane e metterlo in una ciotola, bagnatelo con il brodo vegetale, ma senza farlo diventare “pappa”.

Preparare un trito con gli odori (carota, cipolla e sedano)

In una pentola capiente, meglio se di coccio, fare soffriggere, in olio evo, a fiamma moderata, il battuto di odori, per qualche minuto; aggiungere anche lo spicchio di aglio intero leggermente schiacciato, in modo tale che insaporisca il soffritto (se non piace, toglierlo prima di aggiungere il pomodoro); gli odori dovranno diventare morbidi e cremosi.

Aggiungere la passata di pomodoro e farla cuocere a fuoco basso, coperta, per circa 10 - 15 minuti, aggiustare con sale e pepe.

A questo punto, aggiungere il pane tostato, e qualche foglia di basilico, mescolare e continuare la cottura a fiamma moderata per altri 10 minuti.

Continua a cuocere rimescolando, facendo attenzione a non fare attaccare la pappa alla pentola, aggiungendo, se occorre, brodo vegetale.

Togliere la pentola dal fuoco e condire con dell’ottimo olio di oliva extravergine toscano.

Far riposare la pappa per un’oretta e servirla tiepida.

Sabrina Rossello

Rita Pavone - VIVA LA PAPPA COL POMODORO (Tv tedesca, Capodanno 1966)

Articoli dal Blog “Due chiacchiere in cucina” di Sabrina Rossello

 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Lavoro