QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 20°24° 
Domani 21°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 18 giugno 2019

Politica giovedì 07 marzo 2019 ore 12:04

Passo indietro di Un'altra Piombino per una svolta

Carla Bezzini

La lista civica non si presenterà alle prossime elezioni amministrative nel Comune di Piombino. "C'è bisogno di una svolta a livello politico"



PIOMBINO — La lista civica Un'altra Piombino non si ripresenterà alle elezioni amministrative di maggio 2019. 

"Questa decisione - viene spiegato in una nota - nasce da una riflessione sul momento critico che attraversa la Val di Cornia e in modo particolare il Comune di Piombino. C'è bisogno di una svolta, a livello politico, sia a Piombino che in Val di Cornia. Il fallimento delle politiche condotte fino a oggi, a livello locale, dalle amministrazioni a gestione Pd, è evidente, sotto gli occhi di tutti. La cifra dominante è quella della disoccupazione, dell'assistenzialismo, del declino culturale, del degrado ambientale, dell’agonia del commercio. Il disagio viene percepito e vissuto a ogni livello. Negli ultimi anni non è stata data nessuna risposta: si sono sentiti solo annunci che hanno prodotto unicamente promesse mancate e hanno aggiunto ipoteche a ipoteche".

"La lista Un’altra Piombino ha svolto, in questi anni, il compito per cui era nata: dare voce a quei cittadini che non si rassegnano al degrado politico, economico e sociale della città. - ha aggiunto - Le numerose interrogazioni, mozioni, ordini del giorno, la passione politica messa nel proporre soluzioni che andassero incontro alle aspirazioni di tanti cittadini per riaccendere una speranza di rinascita, testimoniano tutto ciò. Ora è tempo di scelte". 

La lista, insomma, fa un passo indietro e invita a fare una "valutazione delle proposte programmatiche che verranno presentate dalle varie forze in campo. guardandole dal punto di vista della rinascita del territorio, dei beni comuni, del mettere al centro le persone e l'ambiente, la democrazia, la partecipazione". 

"Il discrimine sarà la volontà, unita alla capacità reale, di invertire la rotta e portare la città fuori dalle secche in cui da troppi anni si è incagliata. Per fare questo è necessario andare oltre il municipalismo asfittico e vedere la Val di Cornia come un solo ambito geografico e amministrativo. Del resto, Un’Altra Piombino ha sempre lavorato in sinergia con le liste civiche della Val di Cornia. Per questo guardiamo con fiducia all'affermazione di Jessica Pasquini a Suvereto, in continuità con la valida esperienza amministrativa di questi cinque anni, e sosteniamo Nicola Bertini e il Gruppo 2019 a Campiglia: la speranza è quella di un lavoro futuro coordinato che faccia rinascere la Val di Cornia".

"Ringraziamo - si conclude nella nota - le due consigliere che si sono avvicendate in consiglio comunale, assumendosi un impegno gravoso che hanno portato avanti con passione e con studio, in difesa, sempre, dell'interesse comune e non di un’appartenenza".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità