QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 7° 
Domani 3° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 14 dicembre 2018

Attualità lunedì 28 agosto 2017 ore 17:15

Messa a fuoco su Aferpi, già si parla di ritardi

Massimo Giuliani (Foto di archivio)

Ritardi su ritardi. Il sindaco Massimo Giuliani ha fatto il punto della situazione Aferpi in Consiglio comunale. Il turismo? Non è la panacea



PIOMBINO — Il sindaco Massimo Giuliani ha relazionato in Consiglio comunale gli sviluppi sulla questione Aferpi stando all'impegno preso con i gruppi consiliari.

Il commissario Piero Nardi ha scritto a Cevital e ad Aferpi lo scorso primo agosto per ricordare le scadenze dell'addendum al contratto. Tra queste la ripresa dell'attività produttiva, la ricerca di un partner per il progetto siderurgico e il piano degli smantellamenti. Ma già il primo step, come assodato anche dal Consiglio di fabbrica, è stato disatteso (leggi l'articolo consigliato).

“Per quanto riguarda l'approvvigionamento e la consegna dei semilavorati la scadenza sarebbe stata agosto ma non ci sono novità. - ha spiegato il sindaco - Le attività di laminazione delle rotaie dovevano ripartire entro agosto 2017 e la produzione tra agosto e dicembre 2017, con una previsione di 80.000 tonnellate di produzione. Per questa azione il punto di controllo è fissato a dicembre 2017. Per quanto riguarda le attività di laminazione della vergella in acciai speciali e di qualità, - ha aggiunto Giuliani - la ripresa, secondo l'addendum, dovrebbe avvenire entro ottobre 2017 con punto di controllo a novembre. Per la produzione, prevista in 30.000 tonnellate da settembre a dicembre, è previsto un punto di controllo a dicembre 2017. Altre scadenze riguardano la ripresa della laminazione delle barre entro il mese di ottobre e la produzione di 20.0000 tonnellate da settembre a dicembre. Anche in questo caso il punto di controllo è fissato per dicembre 2017”.

Per quanto riguarda il piano di liberazione delle aree, "sappiamo che i primi smantellamenti spot sono iniziati e che sono state fatte richieste di autorizzazioni all'ufficio urbanistica. Gli smantellamenti degli impianti più grossi dovrebbero avvenire nell'ottobre 2017". Per l'individuazione di una partnership, "c'è un tavolo aperto con Regione e Governo per l'interesse dimostrato da Jindal a tornare sul territorio", ha detto il sindaco. 

Gli aggiornamenti in Consiglio comunale hanno confermato quanto da giorni denunciano Sindacati e operai. Sulla questione altoforno, infine, l'Amministrazione non presta il fianco e rimarca l'intenzioni di continuare a sfruttare le opportunità del territorio senza però dimenticare la propria identità.

"Credo che dobbiamo acquisire la maggior parte di informazioni possibile, piani, controllare la veridicità delle intenzioni, valutare le ipotesi. - ha concluso Massimo Giuliani - Il turismo è una grande opportunità ma non è la panacea assoluta, dobbiamo investire sulle infrastrutture, anche turistiche e sul marketing territoriale”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Lavoro