QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 23°25° 
Domani 23°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 17 luglio 2019

Attualità sabato 15 giugno 2019 ore 13:22

Discarica, Ferrari chiede la sospensione della Via

A tre giorni dall'insediamento il nuovo sindaco Ferrari ha firmato la lettera indirizzata alla Regione chiedendo lo stop del raddoppio della discarica



PIOMBINO — Il nuovo sindaco Francesco Ferrari ha chiesto alla Regione Toscana la sospensione della Via per il raddoppio della discarica. Una presa di posizione chiara quella del nuovo sindaco per sospendere l’adozione della valutazione di impatto ambientale da parte della Regione, relativamente al nuovo impianto nell’area Li53.

Il sindaco Ferrari ha inviato il 12 Giugno, a pochi giorni dal suo insediamento, una lettera alla Regione Toscana chiedendo di fermare il procedimento di Via, richiesto da Rimateria il 23 Maggio scorso, sulla base delle criticità già evidenziate dal Comune e poi confermate anche dal Nucleo di valutazione regionale di Via, da Arpat e da Asl. 

“Abbiamo ritenuto fondamentale intervenire immediatamente su questo problema in maniera autonoma prima che il Comitato di salute pubblica ce lo ricordasse. – ha affermato il sindaco Ferrari – Questa nuova amministrazione ha ben presente il problema e su questo intende dare dei segnali concreti e coerenti con le idee e le posizioni assunte, che si basano sulla nostra netta contrarietà al raddoppio della discarica. Idee e posizioni che si differenziano chiaramente rispetto a quelle della precedente amministrazione. Ringrazio dunque il Comitato di Salute Pubblica per lo stimolo che ha voluto trasmetterci, a soli tre giorni dal mio insediamento. Allo stesso tempo sono disponibile a incontri con tutte le parti in causa per affrontare direttamente le questioni relative a questa problematica”.

Nella lettera inviata dal sindaco Francesco Ferrari si fa riferimento ad alcune criticità da risolvere in maniera prioritaria di tipo sanitario e urbanistico: la questione della compatibilità dell’impianto con le distanze dai nuclei abitativi presenti in zona, questione sulla quale la Regione si è riservata di effettuare degli approfondimenti; la definizione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti all’impianto, alla luce delle note problematiche connesse alle emissioni odorigene e al conseguente disagio arrecato alla cittadinanza.

Comune, Arpat e Asl avevano infatti già confermato, il 27 Maggio scorso, la necessità che nei nuovi moduli di discarica non venissero conferiti rifiuti contenenti materiale organico e che venisse attuata una sospensione di 90 giorni per presentare eventuali dichiarazioni di chiarimento su queste criticità (leggi qui l'articolo correlato).

Per tutto questo, nella lettera inviata, Ferrari “esorta a sospendere qualunque iniziativa volta all’adozione della Via e consentire a questo Comune di pronunciarsi complessivamente in merito, anche in riferimento alle proprie dirette competenze e responsabilità in materia sanitaria e urbanistica.”



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Politica