QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 11°16° 
Domani 19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 22 marzo 2019

Attualità lunedì 19 febbraio 2018 ore 18:10

Nuove povertà ed emergenza abitativa, ecco i fondi

L'assessora alle Politiche sociali, Margherita Di Giorgi

Ma anche più controlli per l'assegnazione degli alloggi Erp che ha portato a liberarne 10. Ecco il piano dell'assessora Margherita Di Giorgi



PIOMBINO — L'Assessorato alle politiche sociali del Comune di Piombino ha varato anche per il 2018 un programma di interventi a favore delle fasce più deboli. Una serie di misure per far fronte alla situazione di emergenza in cui vengono a trovarsi molte famiglie residenti in città e che si trovano spesso in difficoltà a causa del perdurare della crisi.

Bloccati i costi dei servizi, degli asili nido e mense scolastiche, mentre sono stati aumentati i fondi per l'assistenza alla persona destinati alla Società della Salute. Per ogni abitante si passa da 40 a 42 euro di contributo per un totale di 1 milione e 428mila euro di stanziamento.

A questi si aggiungono i contributi per i nuclei familiari numerosi, per famiglie con figli portatori di handicap e contributi per le nuove nascite, oltre agli sgravi per il pagamento della bolletta d'acqua per le famiglie al di sotto di 9.700 euro di Isee.

Sempre nel campo del sociale sono stati stanziati 5mila euro per il progetto doposcuola e 10mila sono i contributi per l'educazione, il volontariato e la crescita sociale, una parte dei quali andranno a sostenere la rete di solidarietà con San Vincenzo de' Paoli, Caritas, l'ass. Guanella, la parrocchia di Sant'Animo e dell'Immacolata, per venire incontro alle sempre maggiori richieste di sostegno e di aiuto che provengono da molte famiglie in difficoltà.

Parallelamente sono stati intensificati i controlli sulle assegnazioni delle case Erp. Controlli che hanno portato a ben 10 pronunciamenti di decadenza nei confronti di persone che non avevano i requisiti per occupare tali alloggi che ora possono essere assegnate a persone davvero in difficoltà.

Sul fronte dell'emergenza abitativa sono stati stanziati 150mila euro, ai quali potrebbero aggiungersene altri 50mila, per interventi a sostegno di famiglie con sfratto per morosità incolpevole, per contributi relativi all’accompagnamento nella locazione e misure di contrasto all'esecuzione dello sfratto. A questa cifra vanno ad aggiungersi i 70mila euro, che potrebbero diventare 100, per assicurare il contributo affitto per i nuclei familiari con Isee pari a zero.

Previsto inoltre l’avvio del progetto per la realizzazione di alloggi di Housing Sociale in via Pertini, un intervento privato che porterà alla realizzazione di 80 alloggi di cui 50 a canone concordato, tramite il finanziamento Fondo per l'abitare.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Lavoro