QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 20°20° 
Domani 17°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 19 ottobre 2019

Politica giovedì 19 novembre 2015 ore 14:04

M5S, chiesto l'elenco dei procedimenti giudiziari

Per il Movimento 5 Stelle fornire queste informazioni è questione di trasparenza. L'ordine del giorno viene bocciato ed è polemica



PIOMBINO — Dopo il no per la Commissione Controllo e Garanzia, il Consiglio comunale non approva l'ordine del giorno presentato dal Movimento 5 Stelle che avrebbe impegnato l'Amministrazione a produrre, una tantum, un elenco di tutti i procedimenti giudiziari in cui è coinvolto il Comune.

La richiesta di un quadro conoscitivo era già stata avanzata in seconda commissione dal Movimento 5 Stelle, per poi esser più volte riproposta nei dibattiti consiliare, e ora è ufficialmente disattesa. L'ordine del giorno non ha portato alcun cambiamento, il voto dei consiglieri di maggioranza del Partito Democratico - che detengono la maggioranza - ha fatto sì che l'ordine del giorno risultasse bocciato. 

"Il Pd ha motivato la scelta con la presunta sensibilità dei dati in discussione. - spiegano i 5 Stelle - Niente di più falso. Un eventuale elenco dei procedimenti sarebbe rimasto ad uso dei consiglieri che ne sarebbero stati singolarmente responsabili e non ci sarebbe stata un’ulteriore discussione in Consiglio comunale. 

Nel prosieguo della discussione il nostro odg è stato dipinto come antisindacale in quanto si chiedeva di riportare anche le delibere e le determine dirigenziali che avevano determinato la causa e che contengono nome e firma di un dirigente. Altra assurdità, ricordiamo ai consiglieri del Pd che qualsiasi atto amministrativo è pubblico e può essere consultato da ogni cittadino. Infine troviamo inconcepibile l’affermazione del segretario generale secondo la quale l’amministrazione non è in nessun modo tenuta a produrre tale elenco. - proseguono - Ricordiamo al segretario generale che l’Amministrazione è obbligata a rispondere a qualsiasi richiesta del Consiglio salvo che non sia contraria alla legge e risulta ancora più grave il fatto che sia proprio il segretario generale, che è il controllore legale del comune, ad affermare il contrario. A questo punto è chiaro che questa maggioranza proprio non vuol sentire parlare di trasparenza".



Tag

Matteo, il bodybuilder «squalificato» alla macchina della verità

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità