QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 25°42° 
Domani 21°38° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 27 agosto 2016

Politica sabato 13 febbraio 2016 ore 12:47

Quartieri, per Gelichi bisogna saper perdere

"Dopo due sentenze non ci possano essere margini d’interpretazione, ma soltanto atti di disponibilità. Saper perdere, alcune volte insegna molto"

PIOMBINO — Non c'è pace sulla questione Quartiere. Con la sentenza del Tar si mette un altro punto alla bagarre tutta regole e politica tra il Movimento 5 Stelle (con gruppi d'opposizione al seguito) e il Comune e la sua maggioranza consiliare.

Ora interviene anche Riccardo Gelichi della lista civica Ascolta Piombino che, tornando indietro nel tempo, ricorda il tema quartieri affrontato quando era segretario del Pd comunale. 

"All’epoca, la discussione politica verteva sulla necessità di creare comunque organismi collegiali di supporto alla giunta, con l’obiettivo di promuovere un’ampia partecipazione dei cittadini alla vita politica di quartiere, ponendo come cardine, la collaborazione rispetto a tutti i temi sociali e culturali. Fu una discussione appassionata, si decise che i quartieri dovevano esserci. - spiega Gelichi - Non nascondo che si discusse di come istituire la corretta rappresentanza politica nei quartieri, qualcuno ad esempio, propugnava elezioni a parte, diversamente dall’attuale ripartizione proporzionale, rispetto all’andamento delle ultime elezioni".

Per Ascolta Piombino il fatto è chiaro: il Pd non ha rispettato il regolamento e lo deve ammettere; il Movimento 5 Stelle, d'altro canto, consenta ragionevolmente una corretta forma di rappresentanza di tutte le forze politiche dentro i quartieri. 

"Per noi di Ascolta Piombino sarebbe ed è paradossale la costituzione di quartieri senza un’ampia rappresentanza politica, altresì non possiamo biasimare il percorso scelto dal M5S. - commenta il consigliere - E’ evidente che il percorso diplomatico doveva essere caldeggiato e seguito dal partito fallace, per fare questo sarebbe stato necessario una buona dote di composta umiltà e lungimiranza. Andare alle prove di forza non è mai un guadagno, nemmeno quando hai i numeri per governare tranquillamente, ma soprattutto, quando sono messi in discussione quegli strumenti che tu stesso hai caldamente legittimato".

Tag