QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 22°30° 
Domani 21°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 26 giugno 2016

Attualità mercoledì 27 gennaio 2016 ore 16:16

L'acciaio a Piombino deve ancora aspettare

A Roma l'incontro per lo sblocco dei tfr, mentre crescono le aspettative per l'incontro al Mise previsto per l'11 febbraio

PIOMBINO — I sindacati hanno incontrato a Roma i rappresentanti di Inps, Mise e Aferpi per sciogliere il nodo attorno allo sblocco dei tfr. Tre le strade possibili che sono state spiegate man mano a tutti i lavoratori.

Un passaggio necessario che anticipa il decisivo incontro dell’11 febbraio al Ministero dello Sviluppo Economico. Per questo i sindacati di Fim, Fiom e Uilm sono categorici riconfermando quando detto lo scorso 18 gennaio; se non ci sarà una risposta concreta sul futuro dell’acciaieria elettrica, si partirà con la mobilitazione fin dal giorno dopo.

È stata bocciata, invece, la proposta di Minoranza Sindacale per una manifestazione a Roma in concomitanza dell’incontro. Il coordinamento è molto critico sull’atteggiamento dei sindacati sia sulla scelta delle assemblee divise dei lavoratori sia per il freno alla manifestazione. 

“Abbiamo assistito all'ennesimo rinvio, tra l'annuncio di nuovi tavoli e di soluzioni tutte da costruire. – commenta Minoranza Sindacale – Questo non può essere presentato certo come una vittoria, nei fatti potremo festeggiare solo quando i lavoratori riceveranno ciò che spetta loro e non un minuto prima. Per questo torniamo a chiedere ai sindacati di smettere di pietire un nostro diritto e di pretenderlo, con forme di mobilitazione tali da costringere finalmente il governo a trovare subito una soluzione”.

Tag