comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 25°29° 
Domani 22°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 03 agosto 2020
corriere tv
Il nuovo ponte di Genova, il «film» della costruzione

Attualità giovedì 29 marzo 2018 ore 15:14

Bayahibe, il caso portato in Consiglio

La risposta dell'Amministrazione non ha soddisfatto l'interrogazione della lista Assemblea Sanvincenzina che ha messo la lente sulla vicena



SAN VINCENZO — Con l'annullamento della concessione edilizia, la lista civica Assemblea Sanvincenzina vuole fare chiarezza sulla vicenda Bayahibe e ha presentato una interrogazione ha chiesto al Comune come mai ancora non si sia mosso in tal senso, se è previsto un intervento di messa in sicurezza e di ripristino.

Dal Consiglio comunale sono arrivate delle risposte anche in merito alla demolizione del manufatto, chiesta con ordinanza n. 109 del 12/07/2017 ma non eseguita perché l'edificio è sotto sequestro. Lo stesso Comune ha chiesto alla Procura della Repubblica il dissequestro dell'immobile, ma dal Tribunale di Livorno sono stati disposti ulteriori accertamenti. Situazione che verrà ridiscussa nell'udienza fissata a Ottobre 2018, intanto recentemente l'Amministrazione ha presentato una nuova istanza di dissequestro.

Per quanto riguarda il percorso pedonale di via del Tirreno dal Comune fanno sapere che verrà sistemato a cura e spere dell'amministrazione e la stessa riqualificazione dell'area sarà progettata una volta compiuta la demolizione. 

Risposte che non hanno pienamente convinto i consiglieri di Assemblea Sanvincenzina. 

"Paradossale il passaggio nel quale si afferma che il concessionario non avrebbe commesso abuso perché il titolo era, al tempo, considerato legittimo. - hanno detto - Tragicomica l'affermazione che la progettazione dell'area inizierà una volta demolito il Bayahibe, come se non si dovesse aver pensato già da anni a cosa fare per ridare decoro ad un'area francamente umiliata dall'amministrazione negli ultimi anni. E' in ogni caso inspiegabile come si permetta alla proprietà di continuare ad operare in queste condizioni e sorge spontaneo chiedersi anche, visto che sono iniziati i lavori per la realizzazione del chiosco stagionale, cosa succederà quando la procura toglierà i sigilli e si dovrà procedere alla demolizione con le strutture precarie in aderenza all'edificio mai terminato. Di una cosa siamo certi, - hanno concluso - questa è una classe politica che alimenta la sfiducia nella giustizia e nelle istituzioni attraverso la strenua difesa degli interessi privati e la continua forzatura delle norme a favore di certi soggetti che, evidentemente, contano più di altri".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Cronaca

Politica