QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 19°20° 
Domani 17°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 20 ottobre 2019

Politica lunedì 11 luglio 2016 ore 14:54

"Propaganda a spese dell'immagine della città"

Fosso Renaione

Quella dei fossi che sversano in mare, per l'Amministrazione si tratta di una critica che poteva essere risparmiata. Tra l'altro sono asciutti



SAN VINCENZO — Ma in che stato versano i fossi di San Vincenzo? Le recenti denunce evidenziano una situazione disastrosa, ma dalle foto inviate dall’Amministrazione comunale si vede altro.

“Il problema degli sversamenti nel 2014 era reale. La stazione di sollevamento al Fosso delle Prigioni era vecchia e in caso di piogge abbondanti non riusciva ad assolvere la sua funzione, con il rischio che, traboccando, i liquidi si riversassero in mare. Situazione pressoché analoga al Renaione. Fu così che venne convocata Asa, con la quale fu concordato un programma di interventi della durata di un anno. Subito venne rinnovata la stazione di sollevamento di via del Tirreno e successivamente quella di via Biserno, risolvendo quindi il problema di quel fosso. Durante l’inverno venne fatta una puntuale campagna di intercettazione delle fogne nere nelle bianche e viceversa ed i problemi che ne scaturirono furono tutti successivamente risolti. L’ultimo lavoro, il più corposo, è stato fatto la scorsa primavera all’altezza del bagno Il Delfino, dove la stazione di sollevamento sotto al fosso era inadeguata ed obsoleta ed è stata eliminata per ricostruirla nella strada. Oltretutto, nel fosso è rimasta una vasca con una pompa che, nel caso ci fosse un qualche rigagnolo d’acqua, magari derivato da lavaggi di giardini limitrofi, verrebbe intercettato e non finirebbe in mare”.

E con questa ultima ricognizione dell’Amministrazione comunale si mettono a tacere le critiche sollevate dal consigliere Luca Cosimi. Del resto oggi le foci dei fossi sono asciutte.

Ad avvalorare la tesi, i risultati positivi dei campionamenti delle acque di balneazione, tanto che le acque antistanti Botro dei Marmi sono tornate balneabili.

“Quando il consigliere Cosimi avrà bisogno di informazioni dettagliate, oltre ad essere presente ai lavori di commissione, potrà anche interpellare ulteriormente l’Amministrazione che sarà ben lieta di fornirle”, ha concluso l’amministrazione in una nota ritenendo che le sue dichiarazioni hanno danneggiato l’immagine della città balneare.



Tag

Meloni a Roma: «Cinquestelle stretti in auto blu come sardine in salamoia»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità