QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 11°16° 
Domani 12°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 15 novembre 2019

Attualità lunedì 21 ottobre 2019 ore 16:04

"Piombino non vuole essere la città dei rifiuti"

Il sindaco di Piombino Francesco Ferrari

Manifestazione a Firenze per il no al raddoppio della discarica Rimateria. In contemporanea la Conferenza dei servizi chiamata a decidere sulla Via



PIOMBINO — “In moltissimi hanno risposto al mio appello: è un’ulteriore conferma del fatto che Piombino non vuole essere la città dei rifiuti”. Parla il sindaco Francesco Ferrari che martedì 22 ottobre sarà a Firenze per partecipare alla Conferenza dei servizi chiamata a decidere sulla Via per il progetto di raddoppio dei volumi della discarica di Rimateria.

Proprio il primo cittadino, qualche giorno fa, aveva lanciato un appello in cui chiedeva la partecipazione dei piombinesi (leggi qui l'articolo correlato)

“A quell’appello – ha dichiarato Ferrari – hanno risposto moltissime realtà del territorio, non solo di Piombino: comitati, associazioni, liste civiche e politiche, anche all’opposizione. Tutto all’insegna del civismo e della trasversalità. La questione Rimateria sta a cuore a tutti i cittadini di Piombino, a prescindere dal colore politico, e la piazza rispecchierà questa composizione. Quest’adesione massiccia può significare una sola cosa: Piombino non vuole il raddoppio dei volumi di discarica”.

Il ritrovo è previsto alle 9.45 in piazza dell’Unità italiana a Firenze. Mentre il sindaco e l’assessora Carla Bezzini saranno al tavolo della Conferenza dei servizi, in piazza ci saranno tutti quei soggetti che, a vario titolo, hanno aderito alla manifestazione: la sindaca di Suvereto Jessica Pasquini, figura tra i soggetti istituzionali; ci saranno anche i Comitati salute pubblica di Piombino e di Cecina, il comitato Lasciateci nascere a Piombino, Coldiretti e poi le liste civiche che sostengono Ferrari (Ferrari sindaco, Lavoro&Ambiente, Ascolta Piombino). Infine le forze politiche, sia di maggioranza che all’opposizione: Fi-Udc-Civici popolari, Lega e Fratelli d’Italia al fianco del M5s e Carc Firenze. Prevista anche la presenza di esponenti regionali di Lega e Fratelli d'Italia. Assente il Partito di Rifondazione Comunista di Piombino che pur contrario al raddoppio della discarica non ha appoggiato l'iniziativa del sindaco. Adesioni sono arrivate anche dalle liste civiche Gruppo 2019 di Campiglia, San Vincenzo Futura di San Vincenzo, Assemblea Popolare di Suvereto.

“Concedere il raddoppio dei volumi di discarica – ha concluso il sindaco Ferrari – significherebbe condannare Piombino a diventare la città dei rifiuti, mettere un freno a ogni possibilità di sviluppo di un’economia diversificata che possa parlare di turismo. Senza contare i disagi che la discarica crea ai cittadini, non solo quelli di Colmata e Montegemoli. Piombino vuole un futuro diverso e non è certamente con una discarica più grande che potrà lavorare per ottenerlo”.



Tag

Venezia sott'acqua, la peggiore marea degli ultimi 50 anni: le immagini dall'elicottero

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità