Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO16°29°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 03 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tita e Banti: «Ci siamo conosciuti per caso, orgogliosi di essere la prima medaglia d'oro mista dell'Italia»

Politica giovedì 29 ottobre 2020 ore 18:46

Jsw e il polo di riciclo, la Lega non ci sta

“Qualcuno dica a Carrai che Piombino non vuole essere la città dei rifiuti. Dopo tre mesi si continua a non presentare alla città il piano”



PIOMBINO — “È dal mese di agosto che la città di Piombino sta aspettando il nuovo piano industriale di Jsw Italy, promesso dal suo ad Marco Carrai, annunciato solennemente anche questo anno, come da tradizione, prima di ogni tornata elettorale. Un piano che prevedeva contributi da parte di Invitalia, che però sembra si sia già fatta parzialmente indietro, e programmava l’avvio del forno elettrico, già promesso dall’azienda nel lontano 2018, a partire dal 2025”.

È la Lega Piombino a intervenire a seguito del recente annuncio relativo a un accordo tra Jsw Steel Italy e Montello spa per lo studio di fattibilità di un polo industriale di riciclo.

“Jindal Italy, che solo nell’ultimo trimestre ha collezionato un ulteriore perdita per 12,5 milioni di euro, continua però, dopo quasi tre mesi, a non presentare alla città il suo piano industriale - hanno aggiunto - e anzi, con il recente annuncio di un polo per il riciclo insieme alla Montello Spa, sembra spostare le proprie scelte aziendali a sfavore del settore siderurgico, mirando a progetti che vanno nella direzione opposta a quanto voluto dall’intera città che, con il voto amministrativo dell’aprile 2019, ha chiaramente detto il suo no a trasformare Piombino nella città dei rifiuti”.

“Dopo lo spegnimento dell’altoforno nell’aprile del 2014, ci sono 1700 famiglie che attendono da ormai sei anni in cassa integrazione quel sempre solo annunciato piano industriale, prima da Issad Rebrab, poi da Sajjan Jindal e adesso da Marco Carrai. Il tempo è scaduto, ed è l’ora che Jsw mostri le carte, altrimenti con grande celerità avvieremo quel famoso Piano B che la città chiedeva anche alla precedente amministrazione, e che noi invece siamo pienamente intenzionati a realizzare”, hanno concluso.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 33 le persone positive in isolamento nelle proprie abitazioni, mentre una donna di 98 anni è ricoverata in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità