Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:02 METEO:PIOMBINO16°33°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 18 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il caffè costa troppo e il cliente getta bicchiere in faccia alla cameriera. Che si vendica così

Attualità lunedì 06 novembre 2017 ore 15:09

Sciopero generale, presidio in piazza Cappelletti

Piazza Cappelletti, Piombino

Cobas, Unicobas e Usb hanno proclamato sciopero generale nazionale, a Piombino si scende in piazza per la vicenda Aferpi



PIOMBINO — Le organizzazioni sindacali Cobas, Unicobas e Usb hanno proclamato uno sciopero generale nazionale di tutte le categorie e comparti pubblici e privati dell'intera giornata il 10 Novembre 2017.

"Lo sciopero generale - si legge in una nota firmata dalle sigle piombinesi - è convocato contro le politiche economiche e sociali del Governo italiano e dell'Unione Europea, per affermare ed ottenere il diritto al salario, al reddito, alla pensione, per veri rinnovi dei contratti, per il rilancio della buona occupazione e la cancellazione della precarietà e di ogni forma di sfruttamento, per la cancellazione della legge 107 nella scuola, per la difesa e il miglioramento della scuola e della sanità pubbliche e per servizi sociali pubblici e gratuiti, contro le privatizzazioni e per la nazionalizzazione delle aziende strategiche per il Paese, per fermare la deriva autoritaria e repressiva in atto, per la democrazia sindacale contro il monopolio delle organizzazioni sindacali concertative, per difendere il diritto di sciopero e per il ritiro di ogni normativa che ne mini e riduca l'efficacia. Lo sciopero è convocato anche per nuove politiche sociali in tema di diritto all'abitare, di salvaguardia e messa in sicurezza del territorio, di contrasto alla xenofobia e al razzismo".

A Piombino, Cobas, Unicobas e Usb scendono in piazza anche per la vicenda Aferpi, contro le politiche governative ritenute fallimentari e per richiedere che lo Stato intervenga investendo capitali pubblici, rilevando o partecipando alla gestione dell’azienda.

Il presidio, al quale sono invitati a partecipate cittadini, associazioni e politici, si terrà in piazza Cappelletti dalle ore 9,30 alle 12,30.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La nuova campagna di indagini archeologiche, con archeologi di Siena e Oxford, interessa l'area dell'acropoli di Populonia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Erica Fiumalbi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Cronaca

Attualità

Attualità