Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO20°23°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 19 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Frecce Tricolori, il video delle spettacolari evoluzioni sulle note di «Nessun Dorma»

Attualità venerdì 18 giugno 2021 ore 10:20

​Recuperate 4 tartarughe morte sulla costa toscana

La tartaruga individuata a Piombino

Segnalazioni da Marina di Vecchiano, Castiglioncello, Piombino e Cecina dove le tartarughe sono state recuperate in avanzato stato di decomposizione



CECINA — Nei giorni scorsi, dal 14 al 16 Giugno 2021, sono state ritrovate 4 tartarughe marine morte sulla costa pisana e livornese. Si tratta di esemplari della specie Caretta caretta che sono stati segnalati dai cittadini e dai pescatori che li hanno avvistati, ormai privi di vita, spiaggiati o al largo dalla costa e prontamente segnalati alla Capitaneria di Porto e al Settore Mare di Arpat attivando quindi la procedura standardizzata per il recupero di cetacei, tartarughe e grandi pesci cartilaginei spiaggiati o catturati accidentalmente prevista dall’Osservatorio Toscano per la Biodiversità della Regione Toscana (Otb).

La prima tartaruga, un grosso esemplare di Caretta caretta della lunghezza totale di 70 centimetri e del peso di circa 45 chilogrammi, è stata ritrovata sulla spiaggia di Marina di Vecchiano, in provincia di Pisa, e sebbene si presentasse in avanzato stato di decomposizione è stata recuperata per lo smaltimento da una ditta specializzata su richiesta del Comune di Vecchiano. La tartaruga era stata avvistata in mare dalla Capitaneria di Porto e segnalata ad Arpat, sabato 12 Giugno, galleggiante a circa 6 miglia a nord di Viareggio e spinta dal vento e dalle correnti si è poi spiaggiata a Marina di Vecchiano.

La seconda tartaruga è stata invece ritrovata da un diportista in mare, al largo di Castiglioncello in provincia di Livorno, che l’ha recuperata e portata in porto ed ha attivato la Capitaneria e successivamente Arpat che ha coordinato le operazioni di recupero. Anche in questo caso si tratta di un esemplare piuttosto grande della lunghezza totale di 60 centimetri e del peso di circa 30 chilogrammi che è stato recuperato per lo smaltimento da una ditta specializzata.

Su questi 2 esemplari, sebbene si trovassero in avanzato stato di decomposizione, i veterinari dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e Toscana (IZSLT) sezione di Pisa hanno effettuato la necroscopia, per la ricerca di eventuali cause di morte, mentre il Settore Mare di Arpat eseguirà indagini sul contenuto stomacale per la determinazione della dieta di questa specie e insieme all’Università di Siena, inoltre, verranno ricercati ed analizzati eventuali detriti marini ingeriti (soprattutto plastiche), come da protocollo Ispra, nell’ambito delle attività di monitoraggio previste dalla Marine Strategy.

La terza tartaruga, sempre della specie Caretta caretta, è stata segnalata il 15 Giugno ad Arpat dalla Capitaneria a Piombino a 3 miglia dalla costa ma non è stato possibile recuperarla a causa dell'elevato stato di decomposizione.

La quarta tartaruga è stata invece segnalata il 16 giugno, morta in mare a largo di Cecina, recuperata da un diportista e portata al porticciolo di Cecina dove è stata accolta da Capitaneria di Porto e Polizia Municipale e consegnata alla ditta che provvederà a smaltire la carcassa in avanzato stato di decomposizione.

Proprio il 16 Giugno si è celebrata la Giornata Mondiale delle tartarughe marine e che in Toscana è attiva una rete che fa capo all’Otb della Regione Toscana a cui afferiscono enti pubblici, centri di ricerca, università e associazioni con una rete di volontari che collaborano in varie fasi di vita di questi animali. Infine un appello a tutti i cittadini dato che la stagione della nidificazione della tartaruga Caretta caretta è già iniziata in Italia e che da diversi anni nidifica anche sulle coste toscane, quindi l'invito a segnalare subito possibili tracce di tartaruga sulle spiagge.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sala operativa della Protezione civile regionale ha emesso un'allerta meteo con codice giallo per la costa e le isole dell’Arcipelago toscano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca