QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 20°21° 
Domani 20°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 22 ottobre 2019

Cronaca sabato 14 maggio 2016 ore 09:16

Corriere della droga fermato al porto

Un'azione mirata della Guardia di Finanza ha portato all'arresto di un piombinese sbarcato a Portoferraio, sequestrati 200 grammi di hashish



PORTOFERRAIO — E’ di ieri la notizia di un ingentissimo sequestro di cocaina purissima, pari a 130 kg netti, nel porto di Livorno, da parte delle Fiamme Gialle labroniche, con il contributo indispensabile dei funzionari dell’Agenzia delle Dogane di Livorno. Si tratta del più importante quantitativo sottoposto a sequestro, in provincia, negli ultimi anni, che segue un altrettanto rilevante sequestro, nella stessa area portuale, nell’agosto del 2015, quando furono individuati 63 kg di cocaina provenienti, anche in quel caso, dal Centro America. 

La lotta allo spaccio di droga ha coinvolto anche l'Elba quando, la scorsa settimana, una pattuglia della Compagnia di Portoferraio ha effettuato un controllo nei confronti di un trentaduenne residente a Piombino, appena sbarcato a Portoferraio con l’ultimo traghetto della serata.

I militari, individuato il soggetto che destava più di qualche sospetto a causa del suo atteggiamento, hanno provveduto ai controlli del caso. I segni evidenti di nervosismo manifestati dall’uomo hanno insospettito gli operatori di polizia che, a seguito di un’ispezione, hanno avuto modo di rinvenire, occultata all’interno di una busta che il cittadino italiano aveva al seguito, un panetto di circa 100 grammi di hashish, oltre ad un altro piccolo quantitativo già confezionato per la vendita al dettaglio.

La successiva perquisizione a casa del soggetto, effettuata anche con l’ausilio di un’unità cinofila, ha permesso di rinvenire altri 100 grammi di hashish e ulteriori piccoli quantitativi pronti per essere spacciati. L’uomo era al momento disoccupato e con precedenti di polizia per rissa e lesioni personali oltre che per detenzione di sostanze stupefacenti. Dopo l'autorizzazione del sostituto procuratore Daniele Rosa la Procura della Repubblica di Livorno ha dato l'ok all'arresto e l'uomo è stato tradotto presso la Casa circondariale “Le Sughere”.

Il giorno successivo, il G.I.P. del Tribunale di Livorno ha convalidato l’arresto e disposto nei suoi confronti la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. La sostanza stupefacente rinvenuta è stata sottoposta a sequestro ed avrebbe fruttato, al minuto spaccio, circa 3.000 euro. 

Dall’inizio del corrente anno sono stati denunciati dai finanzieri della Guardia di Finanza, per traffico o spaccio di stupefacenti, nella provincia labronica, complessivamente 28 soggetti, 8 dei quali tratti in arresto; 78 sono le persone, invece, spesso molto giovani, segnalate alla Prefettura per detenzione di droga ad uso personale.



Myrta Merlino a Matteo Salvini: «Le offro una camomilla...», «Solo se non è zuccherata, sennò la tassano»

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Sport