Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:PIOMBINO16°20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 18 maggio 2024

— il Blog di

​Il Prosecco Spumante, “Champagne” dei “poveri”?

di - lunedì 10 ottobre 2022 ore 09:00

Vitigni e coltivazione

Il vitigno base per la produzione di Prosecco è la Glera, le cui uve devono costituire almeno l'85% del totale. Una piccola frazione, comunque non superiore al 15% del totale, può essere costituita da verdiso, bianchetta trevigiana, perera, glera lunga, Chardonnay, Pinot bianco, Pinot grigio e Pinot nero, usato soprattutto per la versione rosé.

I terreni adatti alla coltura dei vigneti sono quelli ben esposti e drenati, quindi non sono ammessi terreni ad alta dotazione idrica o torbosi. In ciascun appezzamento devono sussistere almeno 2.300 ceppi per ettaro. Le tecniche di coltivazione e impianto sono quelle "classiche" che non provocano modificazioni alla qualità di uva e vino, prive di forzature. Sono vietate le coltivazioni espanse (come le pergole), ma esiste una deroga di dieci anni per i vigneti piantati prima della disciplinare del 2009.

Il riconoscimento della DOC "Prosecco" e delle DOCG "Conegliano Valdobbiadene" e "Asolo"

Parlando con Luigi Veronelli, era il 1980, gli domandai quale fosse stato, per lui, il vino migliore; Fu subito perentorio. Caro Nadio non esiste il vino migliore in senso assoluto. C’è il miglior Barolo e il miglior umile Lambrusco. Allora non era ancora in auge il Prosecco. Ognuno con le sue peculiarità è il migliore. E’ meglio chiarire che il Proseck della Croazia ha una sua origine e sua diversità di qualità come passito, il Prosecco veneto e vino spumante con una sua origine italiana; non c’è nessuna usurpazione di origine. Eccoci a parlare del Prosecco, che non è Metodo Classico con fermentazione in bottiglia, ma Charmat fermentazione in grossi tini in acciaio, che dentro i suoi territori, in questo caso la zona di Cartizze è un Cru (vigneti delimitati) che si distinguono dalle altre zone o vigneti. Questo Cru, cioè territorio, vigneto e clima danno delle uve di Glera che hanno qualcosa in più di altre. E’ cosi per tutti i vigneti e le uve del mondo. Non si potrebbe piantare viti in qualsiasi terreno, eppure lo facciamo in nome della creatività e del predicato molto enfatizzato; Naturalmente anche per il guadagno! Il Prosecco, però, ha trovato il suo luogo ideale.

E’ già diverso tempo che, a intervalli, degusto il Cartizze Dogali, mica dico che è il migliore in senso assoluto, ma ha un rapporto qualità prezzo tutto di rispetto. Ecco le mie sensazioni. Colore: giallo paglierino con riflessi verdognoli e perlage fine e fitto. Olfatto: armonico, persistente con sentori di piccoli frutti. Gusto: Invitante e fresco, si ripetono i sentori di frutti. E’ stimolante e persistente con sensazione di morbidezza che sfiora il dolce.

Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, Patrimonio UNESCO


L'articolo di ieri più letto
Per sfuggire ai controlli dei carabinieri hanno prima dato in escandescenza per poi scappare nelle campagne circostanti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità