QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 15° 
Domani 14°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 08 dicembre 2019

Politica giovedì 22 ottobre 2015 ore 18:39

La Commissione ascolta i sindaci della costa

Nella seduta della commissione regionale ascoltati i sindaci di Grosseto, Pisa, Livorno e Piombino. Giuliani: "Puntare su green economy"



FIRENZE — “Due realtà come Pisa e Livorno non solo possono, ma devono lavorare insieme nell’ottica di Area vasta costiera e di sviluppo e rilancio di quella parte di Toscana. È anche per questo motivo che ritengo molto significativo aver riunito i sindaci di quelle due città insieme a quelli di Grosseto e Piombino per iniziare con loro a ragionare proprio in quest’ottica. Se davvero vogliamo che la costa toscana possa tornare a correre, non possiamo prescindere dal giocare di squadra tutti assieme. In questa partita il ruolo dei sindaci sarà centrale ed essenziale”. 

Così Antonio Mazzeo, presidente della commissione istituzionale per la ripresa economico-sociale della Toscana costiera, si è espresso a margine della seduta che ha visto, ieri pomeriggio, l’audizione dei sindaci Emilio Bonifazi di Grosseto, Marco Filippeschi di Pisa, Filippo Nogarin di Livorno e Massimo Giuliani di Piombino.

Mazzeo, in avvio di seduta, ha affermato di voler condividere con i sindaci della costa il programma e il metodo di lavoro da seguire in commissione e per questo ha chiesto loro di indicare “le priorità del territorio, gli eventuali progetti che necessitano di una velocizzazione o dello sblocco per il completamento, idee e proposte soprattutto sui temi dell’economia, delle infrastrutture e del turismo, che saranno centrali per il piano strategico che vogliamo costruire entro la metà del 2016”.

Mazzeo ha inoltre dato appuntamento a Milano per lunedì prossimo, 26 ottobre, all’iniziativa organizzata dall’Anci Toscana nell’ambito dell’Expo. “In quella sede”, ha detto, “illustreremo il programma operativo della nostra commissione”

Ha chiuso le audizioni l’intervento del sindaco di Piombino, Massimo Giuliani, il quale ha ricordato la grande crisi del comparto siderurgico e di riflesso della città di Piombino. “La chiusura dell’altoforno e la crisi del sistema delle acciaierie sono state un durissimo colpo per la città, che pure ha uno dei porti più importanti d’Italia per le merci rinfuse ed i passeggeri”. 

Tuttavia lo sviluppo di Piombino e dell’intera Valdicornia, secondo Giuliani, non può passare solo dal rilancio dell’industria siderurgica, comunque ritenuta importante, ma anche dal miglioramento delle infrastrutture, dal collegamento dello scalo piombinese con quello di Livorno, nonché con l’avvio di nuove sperimentazioni produttive. “Penso ad esempio alla green economy”, ha detto Giuliani, che ha anche sottolineato come “l’accordo di programma preveda 32 milioni di euro per l’implementazione di attività diverse da quelle collegate”.

Il consigliere Salvini, Lega Nord, ha sottolineato il rischio che il gruppo algerino proprietario degli stabilimenti di Piombino, il gruppo Cevital, possa trasferire gli impianti piombinesi in Brasile. 



Tag

Un contestatore urla "Buffone" a Salvini, lui: "Ti voglio bene fratello"

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Lavoro

Attualità

Attualità