Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PIOMBINO18°30°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 20 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Inginocchiati o ti sparo»: il video de Il Foglio della lite al ristorante di Albino Ruberti, capo gabinetto di Gualtieri

Politica domenica 29 maggio 2022 ore 14:39

“Tutelare prodotti da illegalità e concorrenza”

Fratelli d’Italia

Fratelli d’Italia, con il sostegno del senatore La Pietra, ha sollecitato il Governo verso misure specifiche per la tutela del made in Italy.



LIVORNO — Da Fratelli d’Italia una riflessione sulla tutela del made in Italy e i diritti dei lavoratori.

“Dobbiamo cambiare il paradigma secondo il quale si deve pagare l’agricoltore per coltivare, non è con l’assistenzialismo che possiamo rilanciare il settore. Occorre, piuttosto, dare valore al loro lavoro e salvaguardare il reddito degli agricoltori, che può risolvere il problema del caporalato perché la nostra agricoltura è fatta da aziende sane che producono in maniera sostenibile e rispettano le regole. E poi, mettere a disposizione risorse per la ricerca, l’innovazione e lo sviluppo”. A dirlo, in una nota, il senatore di Fratelli d’Italia Patrizio La Pietra.

A ringraziare per l’intervento il presidente provinciale di Fratelli d’Italia Livorno Giacomo Lensi, che ricorda come “in un momento di crisi dell’agricoltura nello specifico del grano generata dall’attuale guerra Russa Ucraina, il settore agricolo assume un’importanza ancora più strategica nella nostra economia, ma ad oggi il Governo nulla ha fatto per dare impulso a questo mondo produttivo”.

Sul tema del caporalato e dell’illegalità è intervenuto anche Enzo Calderone, responsabile provinciale dipartimento Cultura Rurale di Fratelli d’Italia.

“Purtroppo, gli esecrabili casi di caporalato, dello sfruttamento di manodopera e dei pagamenti in nero si sono verificati anche nei nostri territori. Episodi - ha proseguito - che Fratelli d’Italia condanna senza riserve. I prodotti che l’Italia importa da altri Paesi e che hanno un costo inferiore a quelli Italiani, rispettano i criteri della legalità? La Comunità Europea, sempre molto attenta a burocratizzare ogni aspetto e a mortificare le nostre eccellenze, ha mai pensato a come combattere e bloccare i prodotti derivanti da quei Paesi dove alligna la piaga dello sfruttamento e del lavoro minorile? Ci viene proposto il Nutri Score, invenzione francese ideato soltanto per declassare e danneggiare il nostro comparto agroalimentare, ma non viene vietato l’ingresso di prodotti trattati con pesticidi o concimazioni vietati in Europa. Una concorrenza sleale che mortifica le nostre eccellenze svalorizzando le nostre aziende che, spesso, si trovano costrette a chiudere”.

Fratelli d’Italia chiede, quindi, più controlli e più severità sui prodotti importati e una maggiore tutela per il Made in Italy e per le  aziende locali.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il provvedimento è stato adottato dalla sindaca di Campiglia Marittima a seguito dell’allerta meteo del Centro Funzionale Regionale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità