Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:35 METEO:PIOMBINO12°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 01 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Camera, il labiale di Donzelli durante l'intervento di Gardini

Lavoro sabato 27 agosto 2022 ore 18:00

Lavoratori portuali pronti a 10 giorni di sciopero

Porto di Livorno

Lo hanno annunciato le segreterie provinciali Filt-Cgil Fit-Cisl e Uiltrasporti spiegando che se le loro richieste non saranno ascoltate procederanno



LIVORNO — Lavoratori portuali pronti ad uno sciopero di 10 giorni se le loro richieste non saranno ascoltate. 

Questo è quanto emerso nelle assemblee dei lavoratori e delle lavoratrici del Porto di Livorno, che si sono svolte il 23, 24 e 25 Agosto con all'ordine del giorno tre temi centrali: sicurezza, salute e salario. 

Come spiegano in una nota le segreterie provinciali Filt-Cgil Fit-Cisl e Uiltrasporti "Nel dibattito sono emerse ulteriori criticità che si sommano ai temi discussi e fanno emergere l'estrema fragilità del Sistema Portuale. Nell'ambito della sicurezza abbiamo avuto conferma del mancato impiego dei segnalatori, dell'utilizzo compulsivo dello straordinario (fenomeno emerso anche nell'ultimo report sull'applicazione del Provvedimento Num. 22, emanato dall'AdSP), interferenze tra sbarco passeggeri ed imbarco e sbarco dei rotabili".

"Sul tema della Salute, come segnalato di frequente dagli RLSS, - prosegue la nota dei sindacati - sono state riscontrate condizioni di clima nei garage dei traghetti Ro-Ro, tali da sospendere le attività. Criticità risolte parzialmente con soluzioni spesso artigianali, ma che non attenuano adeguatamente l'esposizione alle polveri sottili dei portuali. Inoltre, è stato denunciato, ed è semplice da verificare, un alto utilizzo del lavoro notturno; il tutto aggravato dalla iniqua distribuzione tra i lavoratori".

"In riferimento al salario, è diffusa con sistematicità la pratica del sotto-inquadramento in relazione alle mansioni prevalenti svolte, con il risultato di un'ulteriore compressione salariale. - aggiungono i sindacati- Nello specifico, in alcune realtà, emerge un'alta rotazione del personale in ingresso con contratti a termine che, spirati i termini, vengono sostituiti con altri lavoratori a tempo determinato; tutto questo a detrimento delle professionalità ed incremento del precariato. Nel Porto di Livorno, il precariato ha numerose connotazioni, che non coincidono soltanto con la natura contrattuale, ma spesso con l'organizzazione del lavoro e la conseguente indisponibilità dei tempi di vita. Ulteriore elemento precarizzante è il salario insufficiente.
Per quanto riguarda il Porto di Piombino, oltre alle criticità comuni al Porto di Livorno, soffre delle incertezze di sviluppo e della crisi dell'industria siderurgica. Seppur con specifiche priorità i lavoratori di Piombino stanno attraversando una fase estremamente complicata che deve trovare composizione nella logica di sistema".

Porto di Piombino

"Nel dibattito con i lavoratori - aggiungono i sindacati  - la questione salariale ha avuto particolare risalto, l'inflazione ha eroso gli aumenti contrattuali riducendo il potere di acquisto a livelli non sostenibili. Considerato che, il Piano dell'Organico Porto ha mostrato la produttività del Sistema Portuale in linea con il resto dei porti nazionali, possiamo affermare che nessuna responsabilità può essere attribuita al lavoro".

"Per quanto esposto, - aggiungono - allo scopo di recuperare salario e condizioni adeguate di lavoro chiediamo quanto segue:
- aumento del 10% delle retribuzioni base;
- ricognizione ed adeguamento dei livelli retributivi;
- verifica della rotazione dei contratti a tempo determinato e stabilizzazione dei lavoratori precari per mezzo di una campagna di assunzioni con contratti a tempo indeterminato;
- rendere operative le disposizioni sanzionatorie del Provvedimento Num. 22.
Le nostre rivendicazioni trovano ragione nel contesto attuale e sono spinte da quanto sta accadendo a livello globale. Le grandi concentrazioni armatoriali dominano l'economia del mare con imponenti trasferimenti di ricchezza ed è in atto una speculazione nel mercato delle fonti energetiche. Tutto questo, in rilievo plastico, denuncia il fallimento delle economie di mercato. I porti, in quanto beni pubblici e mercati regolati, non possono essere a disposizione dell'armatore di turno che si arricchisce senza lasciare niente al territorio. Il Sistema Portuale livornese, dopo un lento ed inesorabile processo di deindustrializzazione, resta l'unico plesso industriale in grado di produrre e redistribuire ricchezza".


"Fermi sulle nostre rivendicazioni dichiariamo fin da adesso che, se le nostre richieste non saranno ascoltate, abbiamo ricevuto il mandato da parte delle assemblee dei lavoratori a proclamare 10 giorni di sciopero a partire dal 12 settembre 2022", concludono i sindacati provinciali Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Casa di Margot ha segnalato che gli altri Comuni non abbiano servizio di accalappiatura e canile come previsto dalla legge
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

RIGASSIFICATORE