Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO18°25°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Francia, Macron colpito da un uovo a Lione: contestatore centra il presidente

Cronaca giovedì 11 febbraio 2016 ore 16:00

Il monsignore si dice estraneo alle truffe

I legali del prelato chiederanno la revoca degli arresti domiciliari. Il religioso è coinvolto in una truffa milionaria a cavallo tra Italia e Belgio



PIOMBINO — Monsignor Patrizio Benvenuti professa la sua innocenza e dai suoi legali sarà presentata l'istanza di revoca della detenzione cautelare ai domiciliari

La richiesta è stata presentata a Bolzano, da dove è partita l'inchiesta nei confronti del alto prelato di origini argentine, noto a Piombino, accusato di una truffa da 30 milioni di euro ai danni di 300 persone.

Chiesto anche il dissequestro dei beni: un immobile a Poggio Catino in provincia di Rieti, altri immobili e terreni a Poppi in provincia di Arezzo, un sito archeologico in Sicilia e la dimora del Quattrocento a Piombino.

La villa che nelle sue stanze ospitò Leonardo Da Vinci, la sorella di Napoleone, Luigi Lucchini e, infine, proprio monsignor Patrizio Benvenuti.

Ricercato con mandato di cattura internazionale uno stretto collaboratore del prelato, Christian Ventisette, 54 anni.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Su #tuttoPIOMBINO di QUInews Valdicornia "La città vecchia" di Gordiano Lupi. Foto di Riccardo Marchionni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Cultura

Attualità