Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO11°20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 07 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Politica domenica 11 aprile 2021 ore 16:28

Covid-19, "queste misure non hanno funzionato"

Lavoro & Ambiente: "Riaprire dove è possibile adottando tutte le misure previste e una campagna vaccinale seria, che in Toscana finora non c'è stata"



PIOMBINO — La lista civica Lavoro & Ambiente, in una nota, ha scattato una fotografia della situazione che la città sta vivendo a seguito della pandemia invitando a riflettere sulle misure prese per uscirne.

"Da un anno l'Italia vive, come moltissimi altri Paesi, in uno stato di emergenza dovuto al Covid. Un anno di tragedie personali e familiari, di ospedali al tracollo, di chiusure e riaperture, di misure di sicurezza e di stanziamenti, di rimborsi parziali, di sovvenzioni e ristori insufficienti. Un susseguirsi di decreti, spesso usciti nel fine settimana, mettendo ancora più in difficoltà quelle categorie che magari si erano già organizzate. Milioni di Italiani non lavorano, o lavorano a singhiozzo, da oltre un anno, molti hanno dovuto chiudere, alcuni sono falliti, in troppi sopravvivono con l'aiuto dei parenti o consumando i propri risparmi. I nostri concittadini provati prima dalla crisi della industria ora dalla crisi dovuta al Covid. Anche nel nostro territorio non esiste una famiglia che non abbia risentito della crisi, direttamente o di riflesso", hanno commentato. 

"Da oltre un anno viviamo in una città irreale, con negozi chiusi, strade deserte, noia e spesso disperazione. Cosa proponiamo? Di riaprire tutto? Di fingere che il virus non esista? No, il virus purtroppo esiste e continua a circolare, nonostante tutti i sacrifici imposti, e continua ad uccidere. - hanno aggiunto - Non sappiamo quando tutto questo finirà. Ma secondo noi queste misure non sono riuscite a cogliere l'obiettivo, non hanno funzionato pienamente e nello stesso tempo hanno distrutto l'economia del Paese e anche della nostra cittadina. In questo contesto esiste inoltre il rischio concreto di infiltrazioni della criminalità organizzata nel tessuto produttivo". 

"Secondo noi - hanno concluso - occorre una valutazione puntuale delle singole zone, una riapertura dove è possibile adottando tutte le misure previste, una campagna vaccinale seria, che in Toscana finora non c'è stata. Bisogna tornare a vivere, insomma, con attenzione e con prudenza, ma bisogna tornare a lavorare e a vivere".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ai casi già noti dalla settimana scorsa, negli ultimi giorni se ne sono aggiunti altri appartenenti allo stesso focolaio
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Lavoro

Attualità