QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 9° 
Domani 7° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 21 gennaio 2019

Attualità giovedì 02 agosto 2018 ore 10:02

È caldissimo, preoccupati per lo stato dei cani

Il trasferimento dei cani nei giorni clou del caldo preoccupa non poco le associazioni animaliste. "I cani sarebbero dovuti entrare con piante e erba"



PIOMBINO — I cani che fanno il bagno in una piscinetta nella foto condivisa dall'Enpa Piombino sono il rimedio a questa afa che preoccupa non poco le associazioni animaliste sulla condizione degli animali nel nuovo canile minimo.

Con la fine di Luglio, infatti, è iniziato il trasferimento degli animali dal canile di Campagnatico o dalle famiglie affidatarie nella nuova struttura a Montegemoli.

Ad esternare i propri dubbi è Maria Cristina Biagini dell'associazione Amici di Margot che aveva chiesto al Comune in accordo con altre associazioni di migliorare la struttura con alberi e spazi verdi che ancora non ci sono. Sollecitazione arrivata anche durante il sopralluogo al canile effettuato il 21 Giungo.

Resta l'attesa promessa di un tavolo di confronto tra le associazioni animaliste del territorio che ad oggi risulta non arrivata.

"Il 22 Giugno l’assessore ebbe le nostre proposte, una decina, da discutere al famoso tavolo. - ha ricorda Biagini - Il 3 Luglio, il 16 e il 26 Luglio sollecitavo la convocazione del tavolo, raccomandando di non far entrare ancora i cani in canile. Una sola risposta, garbata, ma evasiva. Il 31 luglio il blitz. I cani cominciano ad essere trasferiti. Ecco, io non so come sia ora quel canile. Vedo dalle immagini che hanno realizzato l’ambulatorio, che non era previsto, che la legge richiede espressamente e che non volevano assolutamente fare. Era una delle nostre richieste. Vedo anche che non c’è ancora un filo d’erba, ma di più non posso dire, tranne che i cani avrebbero dovuto entrare con le piante e con l’erba. Ma ciò che oggi mi colpisce di più è la porta in faccia sbattuta di nuovo al volontariato locale. Non ci hanno voluto, e non è certo la prima volta. Hanno preferito avere un unico referente, come sempre, con il quale peraltro hanno progettato questo canile minimo, ma molto costoso".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità