QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 25°26° 
Domani 22°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 21 agosto 2019

Attualità martedì 29 dicembre 2015 ore 17:24

Un tesoretto per le piccole e medie imprese

La Regione ha destinato 8 milioni di euro per i Comuni di Piombino, Campiglia Marittima, Suvereto e San Vincenzo. Da marzo al via con le domande



PIOMBINO — Con la dotazione di un fondo rotativo da 8 milioni di euro derivante dal PAR FAS 2007-2013, la Giunta regionale ha approvato, su proposta dell'assessore alle attività produttive Stefano Ciuoffo, la concessione di finanziamenti a tasso zero specificatamente destinati agli investimenti di piccole-medie imprese nell'area di crisi di Piombino (in riferimento ai Comuni di Piombino, Campiglia Marittima, Suvereto e San Vincenzo) come indicato dall'accordo di programma sottoscritto nell'aprile 2014.

"Con questa delibera la Giunta regionale mantiene uno degli impegni presi nei confronti dell'area di crisi di Piombino – sottolinea l'assessore Ciuoffo –. Da parte della Regione Toscana c'è l'auspicio che questi strumenti possano essere utilizzati al meglio dalle imprese per investire nello sviluppo proprio e in quello del territorio".

L'apertura del bando prevede che le imprese interessate presentino le domande da marzo a giugno 2016 sul portale di Toscana Muove. Gli aiuti per la realizzazione dei progetti di investimento materiali ed immateriali saranno concessi nella forma di finanziamento a tasso zero oppure del prestito partecipativo. L´importo dell´investimento o del prestito partecipativo non potrà in alcun caso essere inferiore a 42mila euro e superiore a 1 milione.

Il finanziamento a tasso zero potrà essere pari al 60 per cento del programma di investimento previsto dalle aziende ammesse all´agevolazione, la durata del piano di rientro è di cinque anni nel caso di programmi di investimento di importo complessivo non superiore a 300mila euro, otto anni per importi complessivi superiori. Il prestito partecipativo a tasso zero per un importo pari al 100 per cento del valore dell´aumento di capitale sottoscritto e deliberato dall´assemblea dei soci, dovrà essere pari al valore degli investimenti, e sarà uno strumento limitato alle società di capitali.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Sport

Politica