Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:57 METEO:PIOMBINO16°23°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 13 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Europei Atletica, Italia oro nella 4x100 maschile: la gara

Attualità domenica 29 gennaio 2023 ore 07:22

Giovanni Del Pia e Rete Toscana Sud

Giovanni Del Pia, collaboratore di RTS, durante la lettura del Tg serale

Su #tuttoPIOMBINO di QUInews Valdicornia Gordiano Lupi riapre un capitolo della storia cittadina, raccontando l’esperienza di Rete Toscana Sud



PIOMBINO — Ho già parlato su queste pagine di Rete Toscana Sud, una televisione locale che ha un posto privilegiato nel mio cuore per averci lavorato come cronista delle partite del Piombino calcio, commentatore sportivo e speaker del telegiornale (che in alcuni casi scrivevo). Certo, so bene che non è stata la prima, Piombino è il secondo paese d’Italia ad aver avuto una televisione via cavo, nei primi anni Settanta, la famosa Tele Piombino di Ivio Barlettani, che venne subito dopo Tele Biella. Oggi voglio approfondire la conoscenza e il ricordo di RTS grazie alla testimonianza di Giovanni Del Pia, che è entrato negli studi televisivi proprio dopo che io li avevo lasciati, per motivi di lavoro. Mi ero laureato da poco, avevo trovato un impiego nella zona di Pontedera e la mia vita da adulto non era più compatibile con quella del giornalista dilettante. Ma lasciamo la parola a Giovanni Del Pia e sfogliamo comuni ricordi.

PICCOLA STORIA DI RTS (1987 - 1992)

La mia storia personale con RTS nasce nel settembre 1987. Avevo 22 anni e per caso incontrai Massimo Gherardi, mio vecchio amico d’infanzia, che mi propose una collaborazione come Agente Pubblicitario. Dovevo sostituire Attilio Pecchia, che stava iniziando una nuova avventura con la neonata Tele Tirreno. Piombino poteva vantare in quegli anni ben due Tv locali: RTS (che aveva due studi: a Piombino in via Cimarosa, a Portoferraio in Località Forte Falcone) e la neonata Tele Tirreno con studi in via Leonardo Da Vinci. Fui subito entusiasta dell’aria che si respirava negli studi di via Cimarosa. Appena entrati sulla sinistra c’era una stanza riservata alla Redazione giornalistica; Massimo Gherardi redigeva il Tg locale, che andava in onda alle 19,30 per la durata di 15 minuti, per poi passare la linea al Tg elbano che veniva trasmesso alle 19,45. Mezz’ora prima della messa in onda, veniva fatto il giro telefonico della cronaca nera alle forze di polizia cittadine, per recuperare le notizie, tutto quel che accadeva in città e nel comprensorio. Noi le trasmettevamo per primi, anticipando i quotidiani locali. Lo studio centrale era adibito alla diretta, coordinato da Giampiero Leonelli, che nella stanza di regia (custodita gelosamente) aveva un mix e una serie di videoregistratori VHS, con i quali mandava in onda i servizi del Tg. Nello studio centrale andavano in onda i programmi in diretta, con ospiti in studio: rubriche sportive, intrattenimento, dibattiti politici… Il compianto Sergio Gherardini aveva inventato un vero e proprio talk show, con la presenza di esponenti della cronaca locale, politica e sindacale. Ricordo ancora un dibattito denominato Stato-Chiesa tra il sindaco di Piombino Paolo Benesperi e il Vescovo di Massa Monsignor Lorenzo Vivaldo. Alessandro Pertici conduceva in studio una rubrica sportiva denominata Lunedì Sport, con la partecipazione dei vari personaggi locali, in primo piano le voci dell’US Piombino, di cui RTS trasmetteva ogni domenica sera (in differita) la partita di campionato, sia che si giocasse al Magona che in trasferta. Affacciarsi a questo mondo per un giovane come me fu una grande gioia, in silenzio sono entrato sempre più a far parte di una grande squadra. Pur seguendo l’ambito pubblicitario, coadiuvato da Paolo Chillè che gestiva la sezione elbana, ho cominciato a scrivere articoli per il Tg, poi a usare la telecamera, quindi a presentare dal vivo. Cominciai a condurre il Tg, alternandomi a Massimo Gherardi, poi condussi la rubrica Lunedì Sport, feci alcuni servizi esterni al Tg, infine le telecronache delle partite del Piombino. Molti gli aneddoti che posso raccontare, da allora fino alla chiusura dell’Emittente, avvenuta nel 1993. Tra i tanti personaggi che ho intervistato, sia locali che nazionali, di passaggio nella nostra città, voglio citare: Rita Levi Montalcini (Premio Nobel), Giorgio Benvenuto, Nino Frassica, la nazionale cantanti (Gianni Morandi, Umberto Tozzi, Raf, Paolo Belli, Sandro Giacobbe, Riccardo Fogli), Lorenzo Bozano (il biondino dalla spider rossa). Non solo, in campo sportivo ho intervistato Aldo Agroppi, Beppe Savoldi, Gianni Bertolotti... Non dimentico i personaggi della cronaca politica, sindacale, associazionistica, sportiva di Piombino di quegli anni. RTS dette visibilità non solo al calcio, ma anche ad altri sport (Basket, Rugby, Pallavolo…), seguì le sfilate del Carnevale Piombinese, mirabilmente riprese e messe in onda da Giampiero Leonelli. Erano anni in cui la nostra città (fine anni 80 - inizi anni 90) mostrava segni di grande fermento e la nostra piccola Emittente locale aveva un largo seguito, poi la crisi economica cominciò a farsi sentire, già nel 1992; successivamente la prematura scomparsa dell’editore e fondatore di RTS, Giulio Marinari, portò alla chiusura dell’Emittente. Anch’io dovetti prenderne atto, nel 1992 intrapresi una nuova avventura lavorativa (che ancora oggi svolgo) e i sogni nel cassetto dovetti riporli definitivamente. Forse se fossi vissuto in una città più importante, gli eventi avrebbero potuto prendere una direzione diversa. Ancora oggi, quando passo davanti agli studi di via Cimarosa (ora c’è un laboratorio di pasticceria), se chiudo gli occhi mi viene un tuffo al cuore. Ripensando a quegli anni posso dire che mi è rimasta una straordinaria esperienza di vita (anche professionale) che mi porto dentro, soprattutto l’emozione di aver sognato a occhi aperti di vivere in un mondo affascinante e gratificante.

ALCUNI ANEDDOTI

Come ogni TV locale di quegli anni, anche RTS non si fece mancare l’appuntamento con la cartomanzia. Il giovedì sera era dedicato alla Maga Minerva, una cartomante piombinese che rispondeva telefonicamente in diretta. Particolarmente seguita, riceveva tantissime telefonate, per lo più chiedevano notizie sull’amore… Tentando un salto di qualità riuscimmo a ingaggiare il notissimo Mago Anubi, al secolo Paolo Cearini, personaggio famoso nelle principali TV locali toscane. Durò pochissimo, mi disse che Piombino era troppo piccola per un personaggio come lui. Ci fu anche un casting cinematografico proprio nei nostri studi di Via Cimarosa. Ci contattò un produttore cinematografico romano che cercava comparse per il suo film. Ebbene ricordo quella giornata con un viavai continuo di persone, ognuno pensava di avere l’occasione della vita, sinceramente non so come andò a finire. Altro aneddoto riguarda la partecipazione alla trasmissione Mediaset Mai dire goal, condotta dalla Gialappa’S. Fummo contattati dalla redazione milanese per fornire alcuni filmati delle nostre trasmissioni sportive. La rubrica satirica si chiamava Piccole Antenne Crescono. Ebbene andò in onda prima un breve filmato dove fui preso in giro scherzosamente, perché leggendo i risultati ebbi una forma di deglutizione vocale molto particolare. In un altro video fu evidenziato l’onorevole Rolando Tamburini, allora presidente nerazzurro, da me intervistato, che pronunciò la parola venghino anziché vengono. Era satira, in ogni caso Tamburini non la prese bene. Ma l’aneddoto che più mi è rimasto impresso, e qui la cosa diventa seria, riguarda la giornata di lunedì 6 febbraio 1989. Intorno alle 18 ricevemmo in redazione una telefonata da parte del nostro Giampiero Leonelli: un sub era stato agganciato da uno squalo bianco al largo dello Stellino ed era stato divorato. Era la triste vicenda di Luciano Costanzo. Fummo i primi a dare la notizia nel TG delle 19,30 e riuscimmo a parlare con la Capitaneria di Porto. Pochi giorni dopo una troupe RAI di TV 7 con il giornalista Pino Scaccia venne a Piombino, personalmente organizzai tutto il servizio. Gli operatori Rai intervistarono il sindaco, il Comandante Munafò e il professor Bedini, esperto di biologia marina, infine vennero nei nostri studi e intervistarono il nostro Massimo Gherardi.

Gordiano Lupi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il 32enne di Piombino ha perso la vita nell'incidente avvenuto sull'autostrada A12 tra Carrara e Sarzana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Cultura