comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 20°24° 
Domani 22°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 20 settembre 2020
corriere tv
Scuola, a Corviale arrivano i banchi: ma l'istituto è chiuso da 10 anni

Lavoro mercoledì 12 agosto 2020 ore 10:07

Il Camping Cig boccia Jindal e richiama lo Stato

Le acciaierie di Piombino

Il coordinamento di lavoratori: “Una multinazionale che sta cercando esclusivamente di sopravvivere. Lo Stato ha un grosso debito con Piombino”



PIOMBINO — “Le ultime notizie del rinvio a settembre della presentazione del piano industriale di Jsw Steel Italy e del mancato rinnovo, ad oggi, della presenza del Commissario Governativo in azienda nonché dei possibili esuberi rafforzano la nostra convinzione della totale inaffidabilità della multinazionale indiana e della sua perniciosità per il nostro territorio con la conseguenza che solo un Piano Siderurgico Nazionale che raggruppi gli stabilimenti di Piombino, Taranto e Terni e che veda la presenza pubblica almeno al 51 per cento può rilanciare la siderurgia italiana”. 

Ne è convinto il coordinamento Camping Cig che in una nota chiede un cambio di passo per il rilancio dello stabilimento siderurgico di Piimbino.

“Se cosi non fosse e il Governo, sbagliando, volesse dare ancora fiducia a chi non se la merita sappia che sarà soltanto per finanziare una multinazionale che sta cercando esclusivamente di sopravvivere con soldi pubblici e per mantenere il piede in territorio europeo in attesa di tempi migliori, tempi che i cassaintegrati, lavoratori e cittadini di Piombino e di molti altri comuni non possono sopportare. - hanno spiegato - Inoltre lo Stato ha un grosso debito su Piombino in termini ambientali e infrastrutturale e tutto questo deve portare ad investimenti pubblici per la rinascita di un intero territorio che deve essere accompagnato in un processo di trasformazione da una cultura monotematica ad una dove la siderurgia sia uno degli elementi economici trainanti ma non in maniera esclusiva”.

Il timore del Camping Cig è che si possa concretizzare l’ipotesi dei licenziamenti. “Organizzazioni sindacali e istituzioni locali non dovranno prestarsi a piani industriali dell’ultimo secondo che occhieggino alle prossime elezioni regionali ma si mobilitino per portare a Piombino il Ministro Patuanelli, dal quale aspettiamo ancora i dettagli del Piano Siderurgico Nazionale, e il Presidente del Consiglio Conte, il cui governo deve finanziare bonifiche, infrastrutture e progetti per la diversificazione economica”.

Il Camping Cig, dopo sei anni di ammortizzatori sociali, chiede a tutti i livelli di governare la crisi e non subirla.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità