Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:55 METEO:PIOMBINO24°27°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 28 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Unione europea, perché l'unanimità non funziona: la strategia del ricatto

Attualità domenica 15 novembre 2020 ore 08:02

Non farai mica come Lamburghi?

Su #tuttoPIOMBINO di QUInews Valdicornia "Non farai mica come Lamburghi?" di Gordiano Lupi



PIOMBINO — Quante volte ci siamo sentiti ripetere questa domanda dalle nostre mamme e nonne: “Non farai mica come Lamburghi che si fissò con la murena?”. I giovani forse non ne sapranno niente di questo modo di dire tutto piombinese che risale agli anni Trenta. Chi era Lamburghi? Prima di tutto sciogliamo un dubbio etimologico. Non era l’Amburghi ma il Lamburghi, questa è una delle poche certezze storico - grammaticali. Poi era un pescatore per passione, uno che passava giornate intere alla diga foranea o sugli scogli per catturare l’ambita preda marina. 

Se vogliamo seguire l’interpretazione di Franco Micheletti (Piombino com’era - personaggi piombinesi, Il Foglio Letterario Edizioni, 2016), Lamburghi sarebbe stato ossessionato dalla murena al punto di non voler catturare altro pesce. Una vera e propria fissazione, il pallino per la murena, pesce davvero poco appetibile, dal gusto acre e fangoso, come un serpente di mare. Lamburghi se non pescava una murena buttava tutto in mare, deluso, perché lui sognava di catturare un pesce enorme, dopo una sfida storica, un pesce aggressivo e violento, da cucinare secondo antiche ricette latine.

In realtà la mia tesi sul detto piombinese, dopo alcune ricerche svolte tra i più anziani abitanti della città, è un’altra. Lamburghi un giorno pescò una murena enorme, di 15 chili, lunga quasi due metri. Non che fosse ghiotto di quel tipo di pesce, indigesto e poco indicato per chi soffre di stomaco. Tutt’altro! Il fatto è che la cattura fu così avventurosa da ricordare la lotta di Santiago contro il gigantesco marlin nelle pagine de Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway. Lamburghi vince la lotta con il pesce, dopo aver combattuto da eroe e da quel giorno non si dimentica più di quell’epica avventura. I piombinesi erano terrorizzati ogni volta che vedevano spuntare la sua fisionomia a passeggio per corso Engels e per corso Italia, temevano che per l’ennesima volta avrebbe raccontato la cattura. “Ecco Lamburghi! Non ti fa’ vede’ che te l’ammolla ancora la storia della murena!”. Da qui il detto che genitori e nonni per anni ci hanno ripetuto all’infinito ogni volta che andavamo in fissa con la passione del momento, fossero fumetti o squadre di calcio, giochi elettronici o partite a Subbuteo. 

La memoria storica di Franco Micheletti ci permette oggi di muovere un dubbio e di ragionare sul passato, ripescando anche un’antica leggenda, quella del vigile urbano in pensione che vide Lamburghi cavalcare una murena al largo della diga foranea. Il nostro Lamburghi fa parte del mito, ormai, anche se i ragazzi di oggi non si sentono più redarguire alla vecchia maniera. Il tempo passa e le raccomandazioni cambiano, pure se di ragazzi come Lamburghi ce ne sono fin troppi. La fissazione è unica, purtroppo, passa da un cellulare collegato a Internet. Povero Lamburghi, te l’avessero detto! Sei diventato telematico. 

Gordiano Lupi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In un primo momento erano state cancellate solo le partenze della mattinata del traghetto poi sono state soppresse anche le altre
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità